Il Grande Fratello Vip incorona Daniele Bossari

ROMA  – Il viso pulito e i modi educati di Daniele Bossari hanno conquistato da subito il pubblico del reality più popolare (e trash) della tv, che ieri lo ha eletto vincitore.

Bossari è dunque il trionfatore della seconda edizione del Grande Fratello Vip, nella cui Casa ha portato una ventata di normalità.

All’inizio, a dire il vero, Bossari ha faticato a trovare un equilibrio con gli altri inquilini, tant’è che più volte è andato in nomination. Superate le prime settimane, però, ha fatto breccia nel cuore di tanti. Il momento clou della sua permanenza nella Casa è stato senz’altro quello della proposta di matrimonio in diretta alla fidanzata Filippa Lagerback. Il ‘sì’ davanti a milioni di telespettatori è stato uno dei momenti più emozionanti dell’intera edizione.

CHI E’ DANIELE BOSSARI

Nato a Milano nel 1974, Bossari diventa un volto noto e amato di Italia Uno negli anni Novanta: è lui a condurre programmi di successo come “Popstars”, “Superstar Tour”, due edizioni di “Festivalbar”, “Saranno Famosi”, “Top of the Pops” e “Mistero”.

I SOCIAL

Su Twitter l’hashtag #GFVip la fa da padrone: il consenso alla vittoria di Bossari è unanime, ma non mancano ‘menzioni d’onore’ per altri concorrenti. Superato l’astio verso la coppia più odiata dagli italiani, quella formata da Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser (celebri per le scene hot nell’armadio), i social hanno eletto i loro prediletti: primi fra tutti gli ‘Oneston’, cioè Luca Onestini e Raffaele Tonon. Il tormentone ‘Batti le mani, schiocca le dita, umore alto tutta la vita’, creato da Onestini,  ha attraversato la Penisola.

Molto amata anche la vincitrice annunciata Giulia De Lellis, regina di ignoranza e simpatia.

Vincitore assoluto della categoria ‘gif‘ è invece Cristiano Malgioglio, eletto a furor di popolo come unico vero vip di questa seconda edizione.

5 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»