AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Torna la Giornata Fai: 15 ottobre 600 luoghi da visitare/FOTO

ROMA – Scoprire le biblioteche e gli archivi storici di Milano, vedere gli edifici e i giardini di Bologna inondati di musica, passeggiare sui tetti di Catania per ammirare dall’alto il centro storico. E poi il Gianicolo, la ‘terrazza’ più bella di Roma con i suoi giardini segreti e le residenze storiche, e Piazza Mercato, teatro di momenti fondamentali della storia di Napoli come la rivolta di Masaniello.

Da nord a sud, sono oltre 600 i luoghi di interesse che domenica 15 ottobre potranno essere visitati e vissuti grazie alla Giornata Fai di autunno. I giovani volontari del Fondo ambiente Italia accompagneranno i visitatori lungo i 170 itinerari tematici, alla scoperta di meraviglie normalmente chiuse al pubblico.

Tra i temi scelti per questa edizione ci sarà la musica, con il giovanissimo pianista Ivan Krpan, vincitore del premio Busoni 2017, a gare da testimonial alla Giornata Fai.

E per l’occasione, il Fondo ambiente Italia presenta il suo nuovo logo e, con l’appello ‘Ricordiamoci di salvare l’Italia’, lancia la campagna nazionale di raccolta fondi che fino al 31 ottobre permetterà di iscriversi al Fai con 29 euro, anzichè 39. “Il Fai spicca tra le azioni civili per salvare il patrimonio”, dice il presidente, Andrea Carandini, che tra le ultime sfide del Fondo cita la recente apertura delle Saline Conti Vecchi di Cagliari e, in programma per il 2019, quella di una porzione del Colle dell’Infinito a Recanati.

“In questi anni- ha detto il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini- lo Stato ha fatto un salto di qualità per le risorse a favore del patrimonio, che sono passate da circa 40 milioni a quasi tre miliardi di euro di investimenti. Ma questo non basta. Le meraviglie che ci sono in tutta Italia hanno bisogno di un investimento costante del pubblico e del privato, ed è per questo che un’azione come quella del Fai è meritevole e indica la strada”.

05 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988