Reddito di cittadinanza, l’allarme di Confindustria: “È troppo alto, giovani non cercheranno lavoro”

Ecco il ragionamento degli industriali: "La media di un primo impiego per i giovani è di 830 netti al mese, con il reddito il beneficio economico è troppo elevato e può scoraggiare a trovare un impiego"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Temiano che il reddito di cittadinanza anzichè muovere le persone a cercare occupazione abbia un effetto di scoraggiamento”. Così Pierangelo Albini, direttore area welfare di Confindustria, in audizione in commissione Lavoro al Senato, sul decreto che introdurre il reddito di cittadinanza e quota 100. In particolare per gli industriali è “troppo elevato il beneficio economico, che può scoraggiare a trovare un impiego perchè la media di un primo impiego per i giovani è di 830 netti al mese”.

Inoltre Albini critica “il meccanismo scelto per il cumulo tra il beneficio e i redditi da lavoro“, che prevede “una franchigia modesta che rischia di aver effetto di indurre scoraggiamento”. Confindustria chiede poi di cercare “una cooperazione con le agenzie di lavoro private” e si valuta come “non particolarmente incentivante” il meccanismo di incentivo alle imprese che assumono chi gode del reddito.

Poi “l’assegno di ricollocazione andrebbe salvaguardato perchè è uno strumento orientato in modo preciso a favorire il ricollocamento e sarebbe un peccato perdere questa opportunità”.

LEGGI ANCHE:

Reddito di cittadinanza, Di Maio: “Chi non ha nulla avrà 780 euro. Questo è abolire povertà”

Social impazziti per il reddito di cittadinanza, spunta anche il corso per ottenerlo

Rispetto a quota 100, bene una “flessibilità in uscita ma bisogna considerare gli equilibri complessivi del sistema e bisogna capire se parliamo di una regola o di una eccezione. Se è una eccezione temporanea per tre anni, chi si vede escluso per pochi mesi chiederà un altro intervento”, prevede Albini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»