Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reddito di cittadinanza, Di Maio: “Chi non ha nulla avrà 780 euro. Questo è abolire povertà”

ROMA - Il reddito di cittadinanza è "una rivoluzione: quando parlavo di abolire la povertà volevo dire che da oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il reddito di cittadinanza è “una rivoluzione: quando parlavo di abolire la povertà volevo dire che da oggi chi non ha nulla riceverà 780 euro“. Così il vicepremier Luigi Di Maio, parlando alla kermesse dei Cinque stelle.

LEGGI ANCHE: M5S, Di Maio: “Lino Banfi rappresenterà l’Italia all’Unesco”

“Recessione o meno non lasceremo indietro nessuno”

“Non so se stiamo andando o meno verso una fase di recessione ma noi non lasceremo indietro nessuno, non faremo come quelli prima che hanno aiutato le grandi imprese che avrebbero dovuto far girare il denaro”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, parlando alla kermesse dei Cinque stelle.

“Mimmo Parisi capo dell’Agenzia del lavoro: formerà i navigator”

“Mimmo Parisi della Mississippi University sarà il capo della Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro”, annuncia Di Maio, presentando il professore pugliese che vive da trent’anni in America e ha aiutato il Movimento cinque stelle a ideare la figura del “navigator“.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, Parisi: “Assumeremo 6.000 navigator entro maggio, io sono stato il primo”


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»