Welfare

Oggi è la Giornata internazionale delle persone con disabilita’. Mattarella ricorda: “Il ruolo delle famiglie è essenziale, non lasciamole sole”

Sergio Mattarella“In questa giornata, un pensiero e’ rivolto alle famiglie delle persone con disabilita’, per il ruolo essenziale che svolgono nell’aiutare i propri cari a superare le barriere di ogni giorno e per il peso, emotivo e spesso anche economico, di cui sono gravate. L’impegno e’ di non lasciare sole le persone con disabilita’ e le loro famiglie, per far si’ che l’accesso pieno alla vita per tutti scaturisca in modo naturale dalla nostra appartenenza alla comunita’ e non, ancora una volta, soltanto dalla fatica quotidiana dei singoli”. Cosi’ il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della ‘Giornata Internazionale delle persone con disabilità.

La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilita’ e’ un punto di riferimento fondamentale per la tutela dei loro diritti verso una piena inclusione e partecipazione nella societa’. Troppe barriere sono ancora di ostacolo alla piena fruizione dei diritti di cittadinanza da parte di chi e’ portatore di una disabilita’, sia essa fisica, mentale o relazionale”.

“E’ compito della societa’ nel suo insieme, delle istituzioni, dei corpi intermedi, delle famiglie, dei singoli- aggiunge-, abbattere questi muri e far crollare le barriere, fisiche e culturali, che impediscono una piena partecipazione alla vita della societa’. La diversita’, delle scelte e delle abilita’, e’ un patrimonio comune: la capacita’ di rispondere ai bisogni delle persone con disabilita’ e’ il metro attraverso cui si misura la nostra convivenza civile. La vita di tutti ne uscira’ arricchita. Avere a cuore la dignita’ della persona significa rispettare l’autodeterminazione delle persone con disabilita’ nelle scelte di organizzazione della propria esistenza. Significa perseguire, con attenzione e lungimiranza, l’obiettivo della loro inclusione nella scuola, nel lavoro e in tutte le attivita’ in cui si esplica la personalita’ di ciascuno”.

L’integrazione scolastica, per cui l’Italia rappresenta da tempo un punto di riferimento a livello internazionale– dice ancora Mattarella-, costituisce un passo importante non solo perche’ consente alle persone con disabilita’ di accedere all’istruzione in condizioni di parita’, ma anche perche’ educa tutti, fin dall’infanzia, alla cultura delle diverse abilita’. E’ tuttavia necessario continuare ad adoperarsi affinche’ l’integrazione possa tradursi in effettiva inclusione. Il lavoro e’ essenziale, perche’ e’ strumento di autonomia economica e di realizzazione personale”.

“L’accesso al lavoro- dice ancora il capo dello stato- consente alla persona con disabilita’ di assicurarsi un’esistenza libera e pone le basi per la costruzione di un insieme di relazioni sociali. Purtroppo, i dati ci indicano che tra disabilita’ e poverta’ vi e’ ancora un nesso: investire nell’inclusione lavorativa delle persone con disabilita’ – sfruttando tutte le potenzialita’ offerte dall’innovazione sociale e tecnologica – e’ il primo passo per reciderlo e allontanare il pericolo dell’esclusione sociale”.

3 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»