San Marino

Intervista a Alessandro Mancini

alessandro_manciniNome: Alessandro

Cognome: Mancini

Luogo e data di nascita: San Marino 04.10.1975

Professione: libero professionista – capogruppo Partito Socialista

Residenza a San Marino: dalla nascita

Domicilio a San Marino: dalla nascita

Eventuale/i altra/e cittadinanza/e: no

Partito Ps

  • Cominciamo dalla legislatura ormai volta al termine. Può dirci cosa, secondo la sua opinione, ha funzionato bene e cosa no o comunque meno? Per quali ragioni?

Questa legislatura, un anno dopo l’avvio del suo mandato, già aveva perso il collante politico che teneva insieme le varie forze politiche. Inevitabilmente ha prodotto un rallentamento, e una visione diversa, sui temi fondamentali per il Paese. Per cui, il giudizio sulla passata legislatura non è un giudizio positivo.

  • Nella prossima legislatura, quali sono i tre punti prioritari che la nuova maggioranza dovrà mettere al centro dell’agenda politica nei primi 100 giorni? Perché?

Servirà prima di tutto dare risposte sotto l’aspetto occupazionale, continuare a garantire una sanità gratuita e d’eccellenza e riportare serenità nel settore bancario e finanziario.

  • Ci sono delle tematiche politiche che sente maggiormente vicine e per le quali desidera impegnarsi in prima persona? Come mai?

Senza dubbio i temi dello sviluppo e della ricerca di nuovi capitali sono i principali impegni che caratterizzano il mio impegno politico.

  • In questa fase si parla sempre più di sviluppo dell’economia del Paese ma il concetto è legato all’idea di sviluppo che ognuno ha. Secondo la sua, quali sono le direzioni da seguire per ottenere i traguardi in tale ambito? A cosa non bisogna rinunciare per farlo?

Per attirare nuovi investimenti e rimettere in moto l’economia di San Marino il primo obiettivo da raggiungere è quello della semplificazione normativa e zero burocrazia, oltre una PA al servizio delle imprese e un sistema bancario in grado di sostenere con il credito i nuovi progetti imprenditoriali.

  • Qual è il convincimento che ha maturato in questi anni nel rapporto che sarebbe giusto si instaurasse tra San Marino e Unione Europea?

L’accordo di Associazione che San Marino sta portando avanti insieme a Monaco e Andorra va nella giusta direzione. Il primo traguardo da raggiungere dev’essere la risposta alle nostre imprese, affinché possano operare in regime di parità con quelle degli altri paesi dell’Unione.

  • Nella storia di San Marino, anche recente, c’è una figura politica a cui si ispira o almeno in cui si riconosce per ideali e valori?

Pietro Franciosi.

  • Nello scenario politico internazionale, attuale o passato, c’è un personaggio di cui stima l’azione politica? Se si, per quali motivi?

Per affinità politica e importanza nella storia italiana penso a Sandro Pertini.

 

8)  Ci sono delle esperienze nella sua formazione, nel suo lavoro, nella sua vita (anche politica) che considera propedeutiche o comunque importanti per svolgere nel migliore dei modi il mandato per cui si candida?

Credo che la modestia e la capacità di relazionarsi con tutti, senza esclusioni, siano qualità che ogni politico deve avere.

  • Ci sono momenti in cui si sente orgoglioso del suo Paese? Quando l’ultima volta?

Il 3 settembre di ogni anno quando festeggiamo la fondazione della nostra amata Repubblica.

10) Quali sono gli aspetti del suo carattere che ritiene maggiormente importanti per fare politica?

In parte ho già risposto nella domanda precedente. Di sicuro metterei al primo posto la modestia e la capacità di ascolto.

11) Quando è nata nella sua vita l’aspirazione all’impegno politico con lo spirito di servizio per la nostra Repubblica? É giunta legata a un fatto scatenante particolare o si è costruita gradualmente nel tempo?

Mi sono iscritto al Partito Socialista a soli 17 anni e da quel momento è iniziato il mio percorso di vita e di partito.

12) Nella sua vita privata, anche passata, ci sono delle passioni (sport, hobbies, interessi) che ha coltivato e che hanno lasciato il segno dentro di lei? Se si, quali insegnamenti ne ha ricavato?

Pur non avendo mai fatto sport a livello agonistico sono convinto che l’ambiente sportivo sia la migliore palestra per relazionarsi con gli altri.

13) Con la preferenza unica crediamo che gli elettori valuteranno la competenza, le capacità del candidato, le sue motivazioni e l’entusiasmo. Cosa può dire a proposito riguardo le sue? 

L’elemento di novità della preferenza unica in questa fase è difficile valutarlo, di certo la persona sarà messa al centro della scelta.

 

3 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»