Sbloccati quasi 100 milioni di investimenti del Fondo Volano

santoro_fondo_volano2UDINE – Quasi 100 milioni di euro di contributi sbloccati, che permetteranno l’avvio di 170 opere in 100 Comuni, la maggior parte delle quali attuate tra il 2017 e il 2018. Sono questi gli effetti del “Fondo Volano” sviluppato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, i cui risultati sono stati presentati dagli assessori alle Infrastrutture e Territorio, Mariagrazia Santoro, e agli Enti locali, Paolo Panontin. Il fondo sostiene il Programma triennale di conversione degli incentivi pluriennali per opere e investimenti concessi agli enti locali come contributi in conto capitale.

In pratica attraverso il “Fondo volano” la Regione permette ai Comuni di superare i problemi di gestione della spesa connessi al patto di stabilità e al pareggio di bilancio e di dare avvio alle opere. “I Comuni disponevano di risorse assegnate dalla Regione a valere su più annualità che con le nuove regole di bilancio non rendevano possibile l’attuazione di quelle opere – ha detto Panontin -.

Il “Fondo volano” è quindi di una forma finanziaria di anticipazione delle risorse, che complessivamente sblocca circa 100 milioni. È quindi molto probabile che ci sarà un effetto positivo di trascinamento sull’edilizia a cominciare del 2017“. Santoro ha quindi sottolineato la necessità di un’attenta delle opere pubbliche. “Abbiamo dovuto fare i conti con le nuove regole della finanza pubblica – ha detto -.

Oggi deve cambiare l’atteggiamento di tutti, non si possono rivendicare più contributi in base a semplici idee, ma bisogna farlo sulla base di una programmazione attenta in base alla fattibilità delle opere. Proprio per questo abbiamo creato il Fondo per la progettazione. Il fondo volano è un atto che si inserisce in una cornice complessiva di coerenza che ha la finalità di mettere a frutto i fondi che ci sono e che ci saranno con la maggior efficacia possibile”.

 di Mattia Assandri, giornalista

2 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»