Cultura

Da Tor Sapienza a Pompei: 1 miliardo di euro per i beni culturali

villa dei misteri pompei

ROMA – Un miliardo per il patrimonio culturale italiano, da Nord a Sud. I fondi stanziati ieri dal Cipe saranno investiti per grandi progetti “che aspettavano da anni chiusi nei cassetti” e che serviranno a riqualificare siti archeologici, ma anche periferie urbane. A partire da Roma, dove arriveranno 40 milioni di euro per il complesso Cerimant a Tor Sapienza. E poi, sempre nella Capitale, 15 milioni per riaprire l’ala Cosenza della Galleria nazionale d’arte moderna. E ancora, immancabile Pompei con 40 milioni di euro, ma anche 25 milioni per il parco archeologico di Campi Flegrei. E ancora, 25 milioni di euro per la Cittadella di Alessandria e 60 milioni per l’Auditorium di Firenze e 70 milioni per il Ducato Estense.

Siamo di fronte alla piu’ grande operazione di investimento sul patrimonio culturale pubblico almeno dall’Italia repubblicana“, ha detto il ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini. “Completiamo i grandi progetti che aspettavano da anni nei cassetti, dagli Uffizi a Brera a Capodimonte, andiamo avanti su Pompei, sui siti archeologici, i grandi cammini come la Francigena, quello di San Francesco e l’Appia- ha aggiunto- interveniamo con le riqualificazioni nelle periferie urbane nelle grandi citta’, a cominciare da Tor Sapienza a Roma, e con grandi interventi su luoghi stupendi del Paese come il Porto vecchio di Trieste e la Cittadella di Alessandria”. 

2 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»