Sanità

Governo, Milanese (Federazione Sanità Confcooperative): “Bene il ministero disabilità. Pronti a collaborare”

ROMA – Positiva la creazione di “un ministero ad hoc per famiglia e disabilita’”, meno la scelta del nome: “L’avremmo chiamato ministero dell’Assistenza primaria, cioe’ tutto quello che non esiste fuori dall’ospedale”. A parlare e’ Giuseppe Milanese, presidente Federazione Sanita’ Confcooperative e presidente della cooperativa Osa, a proposito dell’insediamento del nuovo Governo, nello specifico del neonato ministero della Famiglia e Disabili, affidato a Lorenzo Fontana, e del nuovo ministro della Salute, Giulia Grillo. “Ci sembra un’ottima iniziativa quella di creare un punto di regia nazionale che si occupi di disabilita’ e cronicita’ e che possa costruire, fuori dall’emergenza che il sistema ospedaliero comporta, un sistema ospedaliero vero”, ha spiegato ancora il presidente Milanese, auspicando che “malati cronici e persone con disabilita’ possano vedere affrontate le loro necessita’”.
E ancora: “Ci ripromettiamo di collaborare con i ministri, trasferendo le esperienze trentennali che la nostra cooperazione ha maturato in questo settore” e “crediamo che il metodo cooperativo” possa essere “di aiuto nel ripensamento di un sistema sanitario che, pur arretrando, deve avvalersi di forze sussidiarie e mantenere il carattere di universalita’ che puo’ rispondere al male piu’ grave che il nostro Paese va affrontando, la diseguaglianza”.

1 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»