Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Francia, Di Maio: “Valutare se togliere la cittadinanza a Gozi”

Sandro Gozi, ex sottosegretario del Pd entrato a far parte del governo Macron, nel mirino del leader M5S Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho niente contro la Francia, ma bisogna valutare se togliere la cittadinanza a Sandro Gozi”. Lo dice il vicepremier, Luigi Di Maio, a margine dell’incontro di formazione con i navigator a Roma, commentando la nomina a responsabile degli Affari europei per il governo francese dell’esponente del Pd.

“Se tradisci lo Stato italiano e ti arruoli nelle fila di un altro governo come responsabile della politica europea del governo Macron- sottolinea- allora bisogna valutare se togliere la cittadinanza”.

Secondo Di Maio “siamo di fronte a qualcosa di inquietante: un nostro sottosegretario, anche se era Pd, diventa esponente di un governo con cui abbiamo cose in comune ma anche interessi confliggenti”.

GOZI, QUARTAPELLE: DA DI MAIO PROPOSTA INCOSTITUZIONALE

“E’ davvero stravagante la richiesta di togliere la cittadinanza a Sandro Gozi. Invece di pensare che l’Italia ha un alleato all’interno del governo francese, Di Maio va a ruota della Meloni e fa una proposta incostituzionale e antiitaliana: siamo italiani solo se la pensiamo come lui, diversamente non lo siamo più. Assurdo”. Lo dice Lia Quartapelle, capogruppo Pd Commissione Esteri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»