Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, il liceo Malpighi partecipa al primo Manifesto della mobilità sostenibile della scuola italiana

green mente liceo malpighi bologna
Il progetto selezionato tra i 93 presentati da 57 istituti italiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’app si chiama ‘Green-mente’ e risponde con soluzioni creative ai problemi riscontrati nella mobilità urbana, creando sinergie tra i servizi offerti nel territorio ed è stata ideata dalla classe 4AS del liceo scientifico scienze applicate ‘Malpighi’ di Bologna. La proposta visionaria, che ispirandosi alla realizzazione di un’app delinea una mobilità frutto di una convergenza tra i cittadini e il mondo digitale, incentrata sulla sinergia tra i servizi offerti nel territorio, farà parte del primo Manifesto della mobilità sostenibile della scuola italiana, realizzato nell’ambito del progetto O.R.A-Open Road Alliance, promosso da Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva.

Selezionato tra i lavori artistici di 93 classi, provenienti da 57 scuole italiane di cui sei istituti dell’area metropolitana di Bologna: quattro istituti bolognesi, uno a San Lazzaro di Savena e uno a Castiglione dei Pepoli, per un totale di 212 studenti del territorio, l’elaborato è l’esito finale di un percorso formativo iniziato a ottobre 2020.

Perfezionato grazie al supporto di professionisti del linguaggio e delle forme dell’audiovisivo, andrà a costituire la parte multimediale del primo Manifesto della mobilità sostenibile della scuola italiana, che sarà presentato a settembre 2021 e che includerà anche le riflessioni e le proposte di tutte le classi sulla mobilità nelle sue dimensioni: economica, sociale, ambientale e della sicurezza.

La proposta creativa è stata selezionata da una Commissione di valutazione composta da Tullio Berlenghi, esperto uffici di diretta collaborazione del Ministero della Transizione Ecologica; Jessica Bonanni, referente per l’educazione stradale della Direzione generale per lo studente, l’inclusione e l’orientamento scolastico del ministero dell’Istruzione; Riccardo Capecchi, struttura tecnica di missione del ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili; Giovanna Cosenza, docente di Filosofia e teoria dei linguaggi dell’Università di Bologna; Michela Finizio, redattrice e social media editor del Sole 24 Ore; Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanzattiva e Marisa Parmigiani, direttrice di Fondazione Unipolis. La Commissione, dopo aver visionato gli elaborati pervenuti, li ha valutati e giudicati in termini di innovazione sociale, scientifica e tecnica, replicabilità delle proposte o dei messaggi veicolati, creatività e originalità rispetto al contenuto e all’utilizzo della tecnica, efficacia del messaggio.

“Le alunne e gli alunni del ‘Malpighi’ di Bologna- afferma Tullio Berlenghi del ministero della Transizione Ecologica- non si sono limitati a realizzare un video di informazione e sensibilizzazione sul tema della mobilità sostenibile, ma hanno anche provato ad immaginare la realizzazione di uno strumento informatico – un sito e una app – per facilitare la scelta più ecologica (che spesso è anche quella che consente di risparmiare tempo e denaro) da parte dei cittadini”.

Nella visione degli studenti l’applicazione incentiverà l’utilizzo di mezzi sostenibili assegnando ad ogni utente punti accumulabili, e convertibili in buoni monetari, in base al mezzo scelto per lo spostamento (selezionando una bici si otterranno, ad esempio, più punti rispetto a coloro che decideranno di spostarsi in auto). Inoltre, l’app vuole proporre una soluzione ai principali problemi riguardanti i mezzi pubblici, quali sovraffollamento e puntualità: in base alle richieste e all’affluenza, raccogliendo dati che verranno rielaborati al fine di una migliore distribuzione dei mezzi nelle diverse fasce orarie. La speranza, incentivando l’utilizzo di mezzi pubblici, è quella di giungere ad una evidente riduzione del traffico urbano, per preservare l’ambiente e garantire un livello più alto di sicurezza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»