VIDEO | In Campania 98% pazienti con epatite C risponde a terapia

Coscioni: "obiettivo far uscire sommerso stimato in 200 mila persone"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo riusciti, in Campania, a raggiungere 23 mila pazienti affetti da infezioni da virus C con un successo che supera il 98%. In tutta Italia i pazienti curati sono 182 mila”. Così alla Dire Ernesto Claar, direttore dell’unita operativa di Epatologia dell’ospedale Evangelico Betania, a margine della presentazione al Grand Hotel Santa Lucia di Napoli del ‘modello Campania’ nell’implementazione delle nuove terapie per l’epatite C.

IL REGISTRO REGIONALE HCV

“Il gol straordinario – prosegue Claar – è quello di aver organizzato una rete che nei prossimi mesi potrà dare ulteriore efficacia ai percorsi: abbiamo studiato dei pdta adatti ai Serd, alle carceri e abbiamo costruito un registro regionale per il censimento dei pazienti con Hcv, attraverso la piattaforma Saniarp, che in ogni momento – conclude – potrà darci la misura del bisogno di cura”.

IN CAMPANIA SOMMERSO DI 200MILA PERSONE

“Adesso – sottolinea Enrico Coscioni, consigliere per la Sanità del presidente della Regione Campania – si tratta di far uscire il sommerso che, solo in Campania, viene stimato in 200 mila persone. La nostra regione ha il 9% di tutti i malati di Hcv in Italia”. La soluzione, spiega Coscioni, parte dal “lavorare sul territorio con i medici di medicina generale e con i farmacisti e dobbiamo favorire gli screening, del tutto gratuiti, per dare finalmente vita a quel grande piano di eradicazione della malattia”.

L’incontro di oggi è stato organizzato con il contributo non condizionato di Gilead Sciences rappresentata dal general manager della divisione Italia, Valentino Confalone, che ha posto l’accento sui meriti della Campania che è stata “la prima Regione a coinvolgere i medici di famiglia nella fase di diagnosi e referral dei pazienti con epatite C”.

Il ruolo dell’azienda, spiega Confalone, “è stato quello di sostenere in questo processo la Regione e i medici. La grande sfida per il futuro, quando da qui a un anno l’epatite uscirà dai fondi per l’innovazione, sarà garantire un continuo sostegno a questo sforzo per l’eliminazione della patologia anche in Campania, garantendo anche il budget necessario per farlo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»