Filiera della bufalina, Rosati: “Unita per la qualità ai consumatori”

Onorati: "E' una filiera strategica per l'agroalimentare del Lazio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è svolto oggi, nella suggestiva cornice di Pantanello, un importante seminario organizzato dall’assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio e da Arsial sul tema della Bufala mediterranea, dalla produzione all’innovazione. Un’intera giornata dedicata all’approfondimento e al confronto sulla produzione e sulle sue tecniche innovative nella filiera del latte e della carne bufalina mediterranea. L’iniziativa ha visto una importante partecipazione di pubblico: ricercatori, allevatori imprenditori della trasformazione e rappresentanti delle categorie professionali. Dopo i saluti dell’assessore Enrica Onorati e del presidente di Arsial Antonio Rosati sono intervenuti professori universitari, rappresentanti dell’Istituto Sperimentale Zooprofilattico Lazio e Toscana e rappresentativi imprenditori.

Il Lazio è il secondo mercato italiano in termini di grandezza– ha dichiarato l’assessore regionale Enrica Onorati- va difeso e sviluppato. Secondo gli ultimi dati Istat, le provincie di Latina e di Frosinone sono cresciute notevolmente nell’ambito della produzione e della trasformazione del latte bufalino e dei suoi derivati. Un potenziale enorme per tutto il Lazio, in termini soprattutto qualitativi e quantitativi. Il seminario di oggi conferma quanto possa essere strategica l’opportunità di diversificare i processi di lavorazione e di produzione, soprattutto con l’implementazione della filiera delle carni bufaline. Per questi motivi, come Istituzione riteniamo che siano sempre più necessarie da un lato la corretta informazione e promozione verso il consumatore, sottolineando il valore aggiunto delle proprietà organolettiche e nutrizionali, e dall’altra una sensibilizzazione dei ristoratori all’utilizzo di tali prodotti. La carne di bufala e i derivati del suo latte hanno infatti importanti proprietà nutrizionali e sono alla base di sani regimi alimentari. È importante- ha concluso l’assessore- fare sistema per sostenere le aziende e per sviluppare meccanismi di cooperazione e di filiera, investendo nella ricerca scientifica a servizio del settore”.

“Quella dedicata al latte e alla carne bufalina è stata una bellissima giornata che ripeteremo anche per altre filiere. Oggi è emerso con chiarezza che il quadrante della provincia di Frosinone, quella di Latina e in parte quella di Roma ha le condizioni perché questo straordinario prodotto diventi un anello importante per quel territorio. La novità più rilevante è che Arsial e Regione Lazio hanno messo insieme tutti gli attori della filiera. Questo è il modo giusto per andare avanti in tutti i settori, tenendo sempre come stella polare le parole d’ordine ‘cooperare per competere'”. Così il presidente dell’Arsial, Antonio Rosati, a proposito del seminario che si è tenuto oggi a Pantanello (Lt).

“Abbiamo messo insieme tutta la filiera del latte bufalino, cioè le famose mozzarelle di bufala, e anche della carne insieme ai ricercatori e studiosi sia di Arsial che dell’Università di Napoli per trovare il modo migliore di produrre, a partire dal benessere degli animali, perché siamo convinti che la qualità sia la via maestra per difendere il reddito degli agricoltori. È emersa anche l’esigenza di essere uniti, di cooperare per competere, appunto, per avere un prodotto pagato meglio anche grazie a una migliore informazione ai consumatori”. E proprio a proposito di informazione sui prodotti, Rosati intervistato dall’agenzia Dire ha spiegato che “oggi insieme a me e all’assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, Enrica Onorati, c’era anche il presidente della commissione regionale, Valerio Novelli, con il quale è maturata l’idea di fare una riunione della commissione per trovare risorse aggiuntive e fare una corretta informazione per far capire ai consumatori che se è vero che la qualità va pagata, è altrettanto vero che se la filiera è unita può arrivare direttamente ai consumatori a prezzi ragionevoli anche per le famiglie normali. In più- così ancora Rosati- non tutti sanno che la carne di bufala, spesso vista con diffidenza, è invece povera di colesterolo e ricca di ferro. Per questo una corretta informazione può far bene sia ai produttori che ai consumatori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»