Manovra, Meloni: “Sembra fatta da Renzi, taglio pensioni a chi ha versato è comunismo”

ROMA - "Voteremo contro la manovra e questo sinceramente ci dispiace perchè la nostra non è mai stata una opposizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voteremo contro la manovra e questo sinceramente ci dispiace perchè la nostra non è mai stata una opposizione pregiudiziale. Siete fallaci sulla parola che avete abusato di più: il cambiamento, questa non è una manovra di cambiamento”. Così Giorgia Meloni, deputata Fdi, nel corso delle dichiarazioni di voto alla Camera sulla manovra.

E’ “in perfetta continuità con le peggiori politiche delle sinistra, è una manovra che sarebbe potuta essere scritta tranquillamente da Renzi, Boschi e Padoan”.

Quindi “ci sfugge la ragione per la quale il Pd se la prenda tanto, si sono sbracciati in questi giorni con Fiano che si è trasformato nell’incredibile Hulk”, sottolinea.

Ricordando l’episodio del balcone di Palazzo Chigi, Meloni conclude: “Oggi non è più il governo italiano che brinda, ma l’Europa”.

“TAGLIO PENSIONI A CHI HA VERSATO È COMUNISMO”

“Tagliare le pensioni più alte senza distinguere tra chi ha versato i contributi e chi no, perchè chi ha versato tutti i contributi ha accantonato soldi suoi, non è giustizia sociale ma è comunismo, è esproprio proletario”. Così Giorgia Meloni, deputata Fdi, nel corso delle dichiarazioni di voto alla Camera sulla manovra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»