hamburger menu

VIDEO | L’appello della mamma di Ischia: “Su mio figlio torna l’incubo della casa famiglia, fermatevi”

La Corte di Appello di Napoli ha respinto il ricorso. Si torna in Tribunale di primo grado con udienza fissata a domani

Pubblicato:30-11-2023 11:30
Ultimo aggiornamento:30-11-2023 11:33
Canale: Donne
Autore:
bambino Ischia
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – La Corte di Appello di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall’avvocato Girolamo Andrea Coffari, da sempre impegnato al fianco di donne e bambini, sul caso del bimbo di Ischia sul quale ora tornerebbe l’incubo di essere prelevato con le forze dell’ordine e strappato a sua mamma, che da servizi sociali e ctu e’ stata ritenuta ostativa. Si torna in Tribunale di primo grado con udienza fissata a domani.

Il piccolo ha sempre manifestato paura e disagio nel vedere il padre, anche in incontri protetti. L’ uomo era stato querelato per molestie e violenza sul bambino, ma il procedimento e’ giunto ad un’archiviazione.

La mamma di Ischia, la signora Rosaria, alla Dire ha lanciato la sua richiesta d’aiuto: “Non c’e’ stato ascolto e tutela di mio figlio. La curatrice insiste con il prelievo e collocamento in casa famiglia e chiede la secretazione del provvedimento. Ci tengono in una morsa mortale, io dico basta. Basta terrore, basta violenza, vogliamo vivere, vogliamo giustizia. Fermatevi“, ha concluso. Per il bambino si era mobilitata la rete dei Cav di Napoli, il Protocollo Napoli, il sindaco e tutta la società civile.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-30T11:33:01+01:00