Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Germania storico via libera ai matrimoni gay

Il testo licenziato oggi garantisce pari dignità tra matrimoni tra persone eterosessuali e omosessuali. A proporre la legge i socialdemocratici dell'Spd
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – In Germania i gay potranno sposarsi. 

“Decisione storica dopo un dibattito decennale, il Parlamento dice sì al matrimonio per tutti“: così l’apertura dell’edizione digitale del quotidiano ‘Bild’, in linea con le principali testate della Germania nel sottolineare il rilievo del voto del Parlamento che legalizza e tutela le unioni omosessuali.

La contrarietà di Merkel

In primo piano, sulla stampa, anche l’opposizione della cancelliera Angela Merkel. “Il Parlamento vota, ma Merkel dice ‘no’” titola ‘Frankfurte Allgemaine Zeitung’. Il capo del governo, che all’inizio della settimana aveva annunciato la decisione di lasciare libertà di voto alla sua Cdu, si è espressa contro la legge come il capogruppo del partito Volker Kauder.

Il testo licenziato oggi garantisce pari dignità tra matrimoni tra persone eterosessuali e omosessuali. A proporre la legge erano stati i socialdemocratici dell’Spd. La votazione si è conclusa con 393 voti favorevoli, 226 contrari e quattro astenuti.

“Per me – ha detto Merkel prima della votazione – il matrimonio è fondamentalmente un’unione fra uomo e donna“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»