Energia, nuovi interventi Enel per Agropoli

NAPOLI - Da Enel nuova luce per Agropoli: l'azienda
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

enel energiaNAPOLI – Da Enel nuova luce per Agropoli: l’azienda energetica ha concluso un piano di interventi per potenziare la rete elettrica locale, con benefici per oltre 10mila clienti.
In particolare, l’operatore elettrico ha realizzato e attivato circa sei chilometri di nuove linee elettriche interrate che permettono di ripartire in maniera piu’ efficiente i carichi della rete e creano raccordi tra le linee preesistenti, soluzione che garantisce punti di alimentazione ”di riserva” in caso di guasto. L’attivazione dei nuovi impianti interrati, oltre a garantire una rete elettrica piu’ resistente e meno esposta ad eventi esterni, consentira’ la rimozione di circa un chilometro di linee aeree, riducendo quindi anche l’impatto estetico.
Complessivamente sono stati effettuati scavi per circa tre chilometri per poter posare le linee interrate. Fondamentale la collaborazione dell’Amministrazione Comunale, in particolare per la pianificazione e la gestione degli interventi che hanno reso necessarie deviazioni del traffico veicolare per permettere le attivita’ di scavo. Come concordato con il Comune, Enel ha gia’ programmato i lavori di ripristino stradale delle aree interessate dagli scavi, secondo un calendario di interventi che si concludera’ entro maggio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»