Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alien Covenant, con Ridley Scott l’orrore alieno ha nuovi volti

Diffuse le prime immagini del sequel di Prometheus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Alien CovenantROMA – Alien Covenant, l’orrore alieno ha nuovi volti e un nuovo nome. Il sequel di Prometheus, che vede il ritorno alle sue creature del regista Ridley Scott, promette di essere ancora più agghiacciante dei capitoli precedenti.

Alien Covenant, il film

La trama del film è naturalmente e rigorosamente top secret. Qualcosa, però, incomincia a trapelare in rete. Foto e indiscrezioni aprono nuovi scenari nella storia che dovrebbe riprendere dal dopo Prometheus e dalla fine di quella disastrosa missione spaziale. Unica certezza sulla pellicola la presenza di David, Michael Fassbender, l’uomo sintetico. Il film è atteso per il suo debutto il 4 agosto 2017 nelle sale americane.

Alien Covenant e il giallo delle foto

Le prime immagini di Covenant apparse su un sito americano sono state rimosse su richiesta della 20th Century Fox.Alien Covenant La loro diffusione è stata però capillare. La loro viralità immediata. I mostruosi alieni del film, stando ai rumor apparsi in queste ore in rete, non saranno più creature Xenomorfe ma bensì Neomorfe. Segno questo di una evoluzione. Da qualche parte si leggono anche nuovi particolari sulla loro nascita. Non più uova ma baccelli attaccati a piante o al terreno nella fase pre-natale delle creature. Esseri striscianti alla nascita ma pronti a ergersi sulle due gambe posteriori, come quelli già conosciuti nei precedenti film. Basta poi uscite dal ventre umano. La testa aguzza dei Neomorfi e la loro spina dorsale metallica e tagliente troveranno nella testa e nella gola degli umani le nuove vie di fuga.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»