Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Italia torna la fiducia su economia e lavoro ma i consumi restano invariati

E’ quanto emerge da un sondaggio sui consumi condotto da Confesercenti in collaborazione con SWG.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

consumiCresce l’ottimismo degli italiani: secondo il 44% dei nostri connazionali si sta per aprire una stagione migliore per l’economia, il lavoro ed i consumi. Una quota per la prima volta maggiore degli scettici, che sono il 40%, mentre un 16% è ancora incerto. E’ quanto emerge dal consueto sondaggio sui consumi e le vacanze condotto da Confesercenti in collaborazione con SWG in occasione del periodo pasquale.

L’aumento di fiducia rilevato dal sondaggio, però, non si è ancora trasmesso ai consumi: due italiani su tre – il 67% – lasceranno la spesa invariata, mentre solo il 14% dei rispondenti ha segnalato l’intenzione di aumentarla. Ma la crisi non è ancora alle spalle, come segnala la percentuale purtroppo ancora elevata (il 18%) di rispondenti che dichiarano di essere intenzionati a ridurre la spesa anche quest’anno.

Anche sul fronte dei viaggi si rileva ancora poco movimento: per Pasqua andrà in vacanza un italiano su quattro (il 25%), pari a 12,6 milioni di persone, contro il 30% registrato lo scorso anno. Cresce, però, il numero di viaggiatori che hanno scelto una meta in Italia: quest’anno il nostro Paese è la destinazione dichiarata dall’88% di chi farà un viaggio nel periodo pasquale. Solo il 12% sceglierà di compiere un viaggio all’estero: forse un effetto collaterale dei recenti attacchi terroristici ai danni dei turisti nei Paesi limitrofi all’Italia?  Fra le mete preferite tra chi ha optato per una vacanza fuori dall’Italia – secondo i dati delle agenzie di viaggio Assoviaggi-Confesercenti – ci sono soprattutto destinazioni a lungo raggio: Cuba, Caraibi, Thailandia, ma anche Mauritius e Zanzibar. In Europa, invece, emergono con forza le località insulari come le Canarie ed Ischia, che stanno sostituendo altre destinazioni del mediterraneo considerate a rischio in questo periodo. Sempre gettonate le grandi città europee: Barcellona in testa, poi Parigi e Londra.

Il numero di viaggiatori subisce dunque un piccolo calo, ma la spesa cresce: il 60% degli intervistati prevede di spendere oltre 250 euro per la sua vacanze di quest’anno, contro il 54% registrato nel 2013. L’alloggio preferito rimane di gran lunga l’albergo, che totalizza il 28% delle preferenze. Seguono Bed and Breakfast, scelto dal 16% dei vacanzieri, e la casa vacanza (15%).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»