Dalla Regione 125 milioni per zone colpite da terremoto del 2012

MILANO - Arrivano 125 milioni per le zone terremotate. Li ha sbloccati il presidente della Regione Roberto Maroni,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Arrivano 125 milioni per le zone terremotate. Li ha sbloccati il presidente della Regione Roberto Maroni, firmando nuovi provvedimenti in qualità di commissario delegato per l’emergenza sisma del 20 e 29 maggio 2012 e per la ricostruzione. In particolare, si assegnano 125 milioni per la ricostruzione di case e imprese dichiarate inagibili. “Abbiamo promesso che avremmo trovato tutti i fondi per ricostruire e lo stiamo facendo”, dichiara Maroni, ricordando la recente visita nel Mantovano, a novembre. “Stiamo lavorando tutti insieme – Regione Lombardia, la struttura commissariale e gli amministratori locali sul territorio – per trovare tutte le risorse necessarie alla ricostruzione e perché il Governo faccia la sua parte”, precisa.

maroni“Si tratta di fondi che servono per rimediare a un danno grave subito dai territori lombardi colpiti dal terremoto del 2012– conclude il presidente-. E oggi sono molto soddisfatto di poter annunciare questa nuova tranche di finanziamenti per la ricostruzione. Siamo già riusciti a fare molto, dobbiamo recuperare ulteriori risorse per completare il lavoro, ma sono sicuro che ci riusciremo anche grazie al clima costruttivo e di collaborazione che si è venuto a creare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»