Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dolci novità: arriva il gelato gusto canapa

Negli ultimi anni, anche grazie ad alcuni studi, la marijuana sta conoscendo una nuova rinascita, testimoniata dal fatto che proprio negli Usa, dove era iniziata l'era del proibizionismo, adesso è stata liberalizzata in 37 stati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Che la marijuana fosse una pianta versatile non è una novità, prima della sua messa la bando con la canapa industriale si fabbricavano corde, abiti e anche il telaio di una macchina, la Hemp Body Car della Ford, prodotta dal 1941 al 1947.

Negli ultimi anni, anche grazie ad alcuni studi, la marijuana sta conoscendo una nuova rinascita, testimoniata dal fatto che proprio negli Usa, dove era iniziata l’era del proibizionismo, adesso è stata liberalizzata in 37 stati.

In Italia la situazione è diversa e la strada da percorrere sembra ancora lunga e in salita, ma in una gelateria di Alassio verrà tra poco messo in vendita un gelato al gusto canapa, dedicato a Bob Marley.

gelato_cannabis
L’iniziativa è stata presa in collaborazione con Canapa Ligure, un’associazione che promuove il prodotto naturale e i suoi effetti considerati benefici per la salute e seguendo questa traccia, lo slogan non poteva che essere questo: “E’ buono e fa bene”, sostengono i produttori che pensano di commercializzarlo già per la fine dell’anno, magari nella notte più pazza del mondo come quella di San Silvestro.

E’ un gelato con semi di canapa decorticati, ricco di tutte le proprietà benefiche proprie della canapa dovute soprattutto all’alta presenza degli acidi polinsaturi che li rendono preziosi per combattere e prevenire diversi disturbi tra i quali l’arteriosclerosi, disturbi cardiovascolari, colesterolo, artrosi, malattie del sistema respiratorio, eczemi e acne.

In tema di cannabis, uno dei promotori più famosi sugli effetti benefici per la salute fu Lester Grinspoon, psichiatra e docente emerito all’Università di Harvad che nei suoi studi sostenne a lungo la validità dell’uso terapeutico della pianta di cannabis, e si battè con forza contro la “criminalizzazione” del prodotto naturale identificato e catalogato tra le sostanze stupefacenti.

Come si sa, alcuni studi scientifici dimostrano l’utilità dell’uso della cannabis nella terapia del dolore neuropatico e spastico. E’ altrettanto vero che altri studi medici hanno evidenziato gli effetti significativi anche nel dolore tumorale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»