Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro, Durigon: “Contrasto alla precarietà per rapporti dignitosi”

claudio durigon
Il messaggio del sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon per il convegno ‘L’evoluzione del lavoro oggi tra flessibilità e precariato’
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – “Una specifica attenzione del governo è rivolta al contrasto della precarietà causata anche dalla costruzione di precedenti normative per costruire rapporti di lavoro più stabili e consentire alle famiglie una programmazione più serena”. È quanto si legge nel messaggio che il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon ha inviato in occasione del convegno ‘L’evoluzione del lavoro oggi tra flessibilità e precariato’ promosso da Fonarcom.
Durigon sottolinea che il governo “ritenendo prioritario porre l’occupazione al centro delle politiche economiche e sociali auspica la crescita dell’occupazione attraverso politiche più adatte alla creazione di posti di lavoro dignitosi che procurino un giusto reddito”.
Rispetto a Industria 4.0 il sottosegretario osserva che “se il governo precedente ha puntato prevalentemente sull’innovazione dei macchinari, questo governo deve intervenire sui beni immateriali, sugli elementi intangibili dell’innovazione e cioè sul capitale umano, sulle competenze, soprattutto su quelle manageriali per far funzionare impresa 4.0“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»