Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi visita il carcere di Padova: “Un pensiero a Pannella”

Il carcere di Padova è uno dei più avanzati, e il premier ha deciso di visitarlo prima di andare all'Università
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

matteo-renziPADOVA – “Verso Padova per incontro con ricercatori. Ma prima visito il carcere: gesto inedito per un premier. Un pensiero a Marco Pannella”. Lo scrive su twitter il premier Matteo Renzi.

ORLANDO: CON RENZI NEI LABORATORI DEI DETENUTI

“Questa mattina ho visitato con il Presidente Matteo Renzi il carcere di Padova e i laboratori dove i detenuti si preparano a una nuova vita”. Lo scrive su twitter Andrea Orlando, ministro della Giustizia.

VERINI (PD): VISITA RENZI A CARCERE PADOVA GESTO VALORE

“La visita del presidente del Consiglio al carcere di Padova è stata davvero un gesto di grande valore e significato. In questi anni Governo e Parlamento hanno lavorato sodo, per combattere la vergogna del sovraffollamento, per carceri umane. La pena non deve né può essere vendetta, ma rieducazione e reinserimento. Con gli Stati generali promossi dal ministro Orlando si sono individuate strade serie e concrete che, tra l’altro, significano per i detenuti socialità, formazione, lavoro, per dare un futuro anche a chi ha sbagliato e per non tornare a delinquere una volta scontata la pena. La visita del presidente Renzi al carcere di Padova, uno dei più avanzati, rappresenta un atto coraggioso e importante, che aiuta molto a percorrere questa strada di civiltà, umanità e sicurezza”. Così Walter Verini, Capogruppo Pd in Commissione Giustizia della Camera.

SAPPE: BENE VISITA RENZI NEL PENITENZIARIO DI PADOVA

renzi_orlando_carcere_padova“Ho molto apprezzato la visita del presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, al carcere Due Palazzi di Padova. La trovo un segno tangibile di grande sensibilità rispetto ad un mondo, quello penitenziario, perennemente in tensione e ora mi auguro che ad essa segua l’adozione di quegli interventi necessari e non più rinviabili che da tempo il Sappe sollecita. Ossia l’assunzione straordinaria di almeno 2.000 agenti di Polizia penitenziaria (il Corpo è sotto organico di 7.000 unità), un provvedimento di legge che introduca l’obbligatorietà del lavoro per i detenuti (è l’ozio in cella che favorisce la costante e continua riproposizione di eventi critici in carcere, tra i quali le risse ed i tentati suicidi) e l’impiego dei detenuti, socialmente non pericolosi e con pene brevi da scontare, in lavori socialmente utili sul territorio a favore delle comunità”. Cosi’ Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria Sappe commentando la visita nel carcere di Padova del presidente del Consiglio Renzi. “Le carceri sono più sicure assumendo gli agenti di Polizia penitenziaria che mancano- sottolinea- Per il Giubileo tutti i Corpi di Polizia hanno avuto assunzioni meno la Polizia penitenziaria, già sfiancata dal mancato ripianamento degli organici per gli intervenuti pensionamenti. E una parte di assunzioni può avvenire in tempi rapidi assumendo gli idonei non vincitori dei precedenti concorsi da Agente. Ma si devono anche finanziare gli interventi per far funzionare i sistemi anti-scavalcamento e potenziare i livelli di sicurezza delle carceri”.

Per il Sappe servono altri provvedimenti: “Fare lavorare i detenuti durante la detenzione dev’essere prioritario– sottolinea Capece- lo stare in cella a non far nulla, l’ozio, è concausa delle costanti tensioni e dei continui eventi critici. Su questo, sta puntando molto il Capo dell’Amministrazione penitenziaria Santi Consolo ma c’è ancora molto da fare. In Italia lavora circa il 15% dei presenti, quasi tutti alle dipendenze del Dap in lavori di pulizia o comunque interni al carcere, poche ore a settimana. Eppure chi sconta la pena in carcere ha un tasso di recidiva del 68,4%, contro il 19% di chi fruisce di misure alternative e addirittura dell’1% di chi è inserito nel circuito produttivo. Tenere i detenuti fuori dalle celle buona parte del giorno a non far nulla è una scelta assurda e pericolosa. Dovrebbero lavorare, i meno pericolosi in progetti di recupero ambientale nelle città, pulendo i greti dei fiumi o i giardini pubblici, gli altri in attività dentro al carcere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»