Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Musica, gli Mbl ‘arruolati’ per la Notte della Taranta

La loro musica è un folk speciale che mescola la tradizione della ballarella e del saltarello con un suono più moderno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mbl_musica

ROMA – “Un onore, un premio che dopo tanti anni corona sforzi e sacrifici”. Gli Mbl, Musicisti del basso Lazio, saranno il 9 agosto in Puglia, a Cursi in provincia di Lecce, per il festival della Notte della Taranta. Si tratta di un progetto nato in Ciociaria, quello degli Mbl, ideato da Benedetto Vecchio, musicista e studioso di musica popolare che ha all’attivo 6 album e tantissimi concerti in giro per l’Italia e per l’Europa (prima della Taranta torneranno a Varsavia per il festival della Mietitura). Hanno creato un tipo di folk che vede mescolarsi tradizione della ballarella e del saltarello con un suono più moderno e le loro canzoni sono suonate principalmente dalle chitarre (acustica e battente) e supportati da zampogne, ciaramelle, flauti, organetto, contrabbasso, batteria e tamburello.

mbl2“Una settimana fa ho ricevuto una telefonata dalla direzione artistica della Notte della Taranta per dire che siamo stati arruolati. Il cartellone del festival non è solo Melpignano, ci sono tante iniziative di livello in altre zone e noi siamo tra questi- ha detto Vecchio a Diregiovani.it-. Per chi fa musica popolare come me, che ho collaborato anche con Eugenio Bennato, questo è il top. Per questo sceglieremo il massimo del nostro repertorio, una musica con energia musica popolare che arriva da queste zone, dalla Ciociaria”. È importante, spiega ancora Vecchio, “rimanere legati alla tradizione. La nostra è musica legata alla civiltà e alle tradizioni italiane. Quando sei sul palco e vedi la gente che balla, che ascolta, che approva la tua musica, ti fa sentire vivo e che non hai perso del tempo. Vuol dire che quello che hai fatto è servito a qualcosa”.

di Adriano Gasperetti, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»