Crisi di Governo, Zafferani (Civico 10): “Bene, ora voto”/VIDEO

Oggi i due esponenti di Civico 10 erano a Montecitorio per incontrare tre deputati del Pd e confrontarsi su progetti di legge di interesse comune
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

zafferani_san marino_civico10

SAN MARINO – “Accogliamo con favore l’apertura della crisi di governo da parte di Alleanza Popolare”. A dirlo, intervistato dall’agenzia Dire, Andrea Zafferani, capogruppo del Movimento Civico 10 al Consiglio grande generale di San Marino, interpellato a margine di alcuni incontri alla Camera dei Deputati a Roma. Zafferani sottolinea che si tratta “di un’operazione di chiarimento importante rispetto a una legislatura che secondo noi non ha mai avuto un granché da dare, e che soprattutto in quest’ultimo periodo, con questa maggioranza così litigiosa, non aveva assolutamente più nulla da dire”.

Ora, aggiunge il capogruppo del Movimento civico 10 “si aprirà, come ci auguriamo, una fase molto veloce di chiarimento che speriamo possa portare in tempi i più brevi possibili ad elezioni politiche anticipate, cosa che noi riteniamo essenziale in questo momento di confusione, per ridare al cittadino la possibilità di scegliere da chi farsi governare”.

CIACCI (CIVICO 10): “A MONTECITORIO PER 3 LEGGI PD”

Giornata di incontri per la delegazione del Movimento Civico 10 che alla Camera dei Deputati a Roma ha potuto confrontarsi con i parlamentari del Pd sulla legge che riconosce gli educatori socio-sanitari, sulla legislazione lavoristica e sulla normativa in sostegno dei disabili. Matteo Ciacci, coordinatore del Movimento civico 10 di San Marino, videointervistato dalla Dire a Montecitorio, riassume il lavoro svolto con i colleghi italiani. “Abbiamo voluto incontrare Vanna Iori, la deputata che ha promosso un progetto di legge, approvato alla Camera e ora al Senato, sul ruolo dell’educatore. Anche in Repubblica- spiega Ciacci- è stata approvata recentemente un’istanza d’arengo che chiede proprio il riconoscimento del ruolo dell’educatore socio-sanitario e dell’educatore socio-culturale. Pensiamo che sia estremamente importante quindi arrivare il prima possibile a un provvedimento normativo che possa anche in Repubblica riconoscere questo ruolo”.

Il secondo confronto è avvenuto con “Anna Ascani su un progetto di network di giovani parlamentari under 40 a livello europeo e su politiche legate al mercato del lavoro. Abbiamo spiegato la nostra proposta del progetto lavoro presentata da diverso tempo in questa legislatura”, sottolinea il coordinatore di Movimento civico 10. Si tratta, osserva, di “una riforma che prevede un contratto unico con tutele crescenti, un diverso modo di ricollocamento che inserisce nell’ambito del ricollocamento i tre attori principali: le aziende, il sindacato e ovviamente anche lo Stato, e poi abbiamo parliamo anche di come garantire un sussidio a coloro che hanno terminato gli ammortizzatori sociali, e dunque anche del reddito minimo garantito”.

L’ultimo incontro, “con la deputata Elena Carnevali: con lei- ricorda Ciacci- abbiamo approfondito il progetto sul dopo di noi. Come Movimento civico 10 abbiamo avviato una serie di confronti con le realtà locali legate al mondo della disabilità per sensibilizzare la cittadinanza rispetto al tema della disabilità, e ovviamente per dare delle risposte dal punto di vista dell’integrazione e dell’inserimento lavorativo e scolastico di una persona che magari ha delle difficoltà disabili più o meno grandi ma che deve essere posta prima di tutti noi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»