Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Apre il congresso Sito, Berloco: “I trapianti pagano il loro successo” /VIDEO

Berloco: "Richiesta notevolmente aumentata, domanda non viene soddisfatta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi il settore dei trapianti “pone l’Italia tra i primi Paesi al mondo. Quello della medicina trapiantologica e’ un modello che funziona, preso ad esempio da molti Paesi europei”. A dirlo è Pasquale Berloco, presidente al Congresso della Societa’ italiana trapianti d’organo e direttore dell’Unita’ di Chirurgia generale e Trapianti del Policlinico Umberto I di Roma.

Un ambito che ha “progressivamente evidenziato un allargamento delle applicazioni, un miglioramento dei risultati e la riapplicabilita’ delle procedure”, ha spiegato Berloco aprendo il 40esimo Congresso nazionale della Sito all’Ergife Palace Hotel di Roma.


Proprio nel 2016 ricorre il 50esimo anniversario del primo trapianto in Italia, eseguito all’Umberto I. “La trapiantologia rappresenta oggi una delle punte di diamante di cui la medicina moderna oggi si vanta, un esempio paradigmatico di interdisciplinarieta’“. A fronte di questi risultati positivi, sono “tanti i problemi da risolvere che hanno reso la trapiantologia vittima del suo stesso successo”. Berloco ha infatti spiegato che “le richieste di trapianti sono notevolmente aumentate e la domanda non viene soddisfatta”. Per questo l’obiettivo per il futuro e’ “affrontare tematiche di grande attualita’ come la donazione da vivante, la conservazione e la rigenerazione di organi in condizioni non ottimali e- ha concluso- soprattutto il trapianto cellulare”.

LORENZIN: MODELLO TRAPIANTI VOLANO PER OSPEDALI

“Grazie per lo spirito di servizio e la cura dei pazienti in lista d’attesa. Siete tra i primi nelle pubblicazioni scientifiche e che il modello di rete realizzato dalle attivita’ di donazione e trapianto e’ un volano per l’organizzazione di tutti gli ospedali”. E “grazie a chi opera in prima linea in condizioni di difficolta’”. Queste le parole che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha inviato ai medici e chirurghi in occasione dell’apertura del 40esimo Congresso nazionale della Sito.

DG ALESSIO: ALL’ UMBERTO I TANTISSIMI SUCCESSI


“Siamo il primo ospedale in Europa per numero di donazioni di organi. Oggi festeggiamo tantissimi e importanti successi, come quello di aver raggiunto tremila trapianti nel 2014. C’e’ tutto un movimento intorno al nostro policlinico, sostenuto dal Centro nazionale trapianti. Siamo soddisfattissimi, sono questi reparti di eccellenza che qualificano un ospedale come il nostro”. Lo ha detto il direttore generale dell’Umberto I di Roma, Domenico Alessio, in occasione del 40esimo Congresso nazionale della Sito . Proprio nel 2016 ricorre il 50esimo anniversario del primo trapianto in Italia, eseguito all’Umberto I. “Ho scommesso sui trapianti perche’ ho visto dei risultati. Ci stiamo allargando anche attraverso convenzioni con diverse regioni, ad esempio l’Umbria, la Basilicata e la Calabria”, ha concluso Alessio.

GAUDIO: IN ITALIA TRAPIANTI SONO NATI A LA SAPIENZA


“I trapianti di organo in Italia sono nati a Roma, all’universita’ La Sapienza. Oggi festeggiamo i 50 anni dal primo trapianto di rene, cui sono succeduti quelli di pancreas, fegato, polmoni, ma anche studi approfonditi per la tipizzazione tissutale. Una storia di successi scientifici applicati alla cura dei pazienti”. Cosi’ il rettore della prima universita’ di Roma, Eugenio Gaudio, in occasione del 40esimo Congresso nazionale della Sito. Proprio nel 2016 ricorre il 50esimo anniversario del primo trapianto in Italia, eseguito all’Umberto I.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»