Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fisco, il ministro Franco: “Tassa di successione? Sbagliato parlarne ora”

daniele_franco
"Non è bene infatti intervenire su singole componenti del sistema fiscale in quanto queste devono inserirsi in un disegno complessivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il governo non ha ancora definito la sua proposta di legge delega sul fisco anche perchè attende le risultanze dei lavori delle commissioni parlamentari. A maggior ragione non è entrato nel merito di proposte relative a singole misure”. Lo dice il ministro dell’Economia, Daniele Franco, nel corso del question time alla Camera, rispondendo a una interrogazione di Fdi sulla tassa di successione.

La legge delega sul fisco “verrà approvata in Consiglio dei ministri entro il 31 luglio e verterà sul sistema fiscale nel suo complesso. Non è bene infatti intervenire su singole componenti del sistema fiscale in quanto queste devono inserirsi in un disegno complessivo e concorrere alle finalità generali del sistema fiscale, crescita, equità e contrasto all’evasione”.

Inoltre, prosegue, “va sottolineato che le singole imposte interagiscono tra di loro e questo è una ragione in più perchè il governo si esprima con una proposta di respiro generale. La riforma fiscale dovrà tenere conto degli equilibri di finanza pubblica, evitando di generare oneri per le generazioni future“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»