Sanità, la crociata di Sel a difesa delle guardie mediche notturne

CAGLIARI - Un'interrogazione urgente all'assessore regionale alla Sanità in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sanitàCAGLIARI – Un’interrogazione urgente all’assessore regionale alla Sanità in Sardegna e il lancio di una raccolta di firme contro l’ipotesi di una chiusura del servizio delle guardie mediche notturne, in seguito alla prospettata approvazione dell’atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione dei medici di medicina generale e pediatri. È l’iniziativa portata avanti da Sel e presentata oggi da tre consiglieri -Luca Pizzuto, Francesco Agus ed Eugenio Lai- insieme al vicesegretario regionale del sindacato Medici italiani Annarita Ecca e da alcuni amministratori locali. Un provvedimento, quello nazionale, che appunto prevede l’eliminazione dalle 24 alle 8 del servizio di assistenza medica territoriale, “che determinerebbe- si legge nell’interrogazione- un carico sul servizio del 118, precedentemente coperte dalla guardia medica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»