I Rolling Stones portano a Cuba la ‘musica proibita’

Per la prima volta il gruppo di Mick Jagger si è esibito sull'isola davanti a 500mila persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La musica “proibita” è atterrata a L’Avana: per la prima volta, ieri sera, i Rolling Stones hanno suonato a Cuba davanti a circa 500mila persone. Il concerto-evento chiamato Concert for Amity (Concerto dell’Amicizia) si è svolto, gratuitamente, nello stadio della Ciudad Deportiva.

rolling stones

Sappiamo che in passato è stato molto difficile ascoltare la nostra musica a Cuba – ha affermato dal palco Mick Jagger- ma adesso siamo qui a suonarla e sono convinto che i tempi stanno cambiando“. Negli anni ’60 infatti, la musica straniera a Cuba ha subìto delle restrizioni messe in atto dalle autorità comuniste, lasciando così la repubblica’ indietro con i tempi’.

Numerosi fan cubani dei Rolling Stones, ricordano ancora le volte che hanno dovuto ascoltare il gruppo britannico, i Beatles e altre mitiche rock band clandestinamente. Ora molti di loro, vedono nell’arrivo della band a Cuba, la possibilità concreta per l’isola di “unirsi” al resto del mondo.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»