Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Agricoltura, la resistenza degli under 35: storia di Veronica, cuoca contadina

CUOCA CONTADINA
Veronica Barbati è una giovane imprenditrice 30enne che dal 2010 ha deciso di avviare un'azienda agricola a Roccabascerana, in provincia di Avellino. È anche la presidente dei Giovani di Coldiretti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gli imprenditori agricoli under 35 resistono alla crisi provocata dall’attuale pandemia. Nonostante le innumerevoli difficolta’, continuano a far crescere le proprie aziende, rispettando l’ambiente e proponendo soluzioni alternative in linea con i tempi. Nel 2020, secondo il report annuale stilato da Coldiretti, si e’ registrato un boom di giovani imprenditori. Rispetto a 5 anni fa, infatti, c’e’ stato un aumento del 14% di under 35 che hanno deciso di avviare un’azienda agricola.

LEGGI ANCHE: Agricoltura, la resistenza degli under 35: storia di Valentina, ‘bio’ imprenditrice

Agricoltura, resistenza degli under 35: storia di Martino, coltivatore di piante aromatiche

Agricoltura, la resistenza degli under 35: storia di Marco, allevatore di pecore

LA STORIA DI VERONICA

Veronica Barbati è una giovane imprenditrice 30enne che dal 2010 ha deciso di avviare un’azienda agricola a Roccabascerana, in provincia di Avellino. È anche la presidente dei Giovani di Coldiretti. Gestisce un agriturismo ma non solo. La sua e’ un’azienda multifunzionale. Al suo interno sono presenti un caseificio aziendale, una macelleria agricola, un laboratorio per la produzione di confetture e ortaggi sott’olio e una cantina vinicola. Veronica e’ una agrichef, una cuoca contadina che valorizza in cucina i prodotti del territorio.

VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E CAPACITÀ DI MODERNIZZARSI

“Nella gestione della mia azienda do estrema importanza alla valorizzazione dei prodotti del territorio, ma cio’ non vuol dire che la nostra attivita’ non sia in grado di evolversi, adeguandosi alle nuove tecniche agricole e aprendosi alla modernizzazione. Non a caso ho deciso fortemente di dare vita a una fattoria didattica perché sono convinta che oltre a vendere il prodotto si debba anche essere in grado di comunicare al visitatore la sua storia”, racconta all’agenzia Dire. “A tal proposito- aggiunge- offro un ulteriore servizio: sono una agrichef, una cuoca contadina. Il contadino prepara direttamente i prodotti della terra e li offre agli ospiti dell’agriturismo”.

L’OBIETTIVO È APRIRSI AL MERCATO ESTERO

Il 2020 è stato un anno molto duro. Il nostro agriturismo e’ stato chiuso per diversi mesi. Siamo riusciti a portare avanti la nostra azienda grazie all’attivita’ produttiva. I ristori, sia regionali che nazionali, sono stati messi a disposizione ma di fatto non ho ancora ricevuto la loro liquidazione”, spiega. “Proprio nel 2020- sottolinea- avremmo dovuto aprirci al mercato estero. Purtroppo la crisi pandemica ha rallentato il processo. L’obiettivo del 2021 é quello di avere più certezze in modo da poter programmare anche questa svolta”.

L’AZIENDA COME UN FRATELLO

“Questa attivita’ per me e’ come un fratello”. Lo racconta con emozione la giovane imprenditrice. “Mia mamma aveva la passione per la cucina. Da li’ nasce in me la voglia di mettermi in gioco, pensando successivamente alla proposta dell’agriturismo”, argomenta Veronica. “Nasciamo come una piccola azienda locale. Adesso ci siamo ingranditi parecchio. Dico che per me la mia azienda è come un fratello perché ho vissuto tutte le sue fasi di crescita. Questa attività é stata il mio primo scopo di vita”, ribadisce. “Chiaramente- dice- ho dovuto studiare per acquisire maggiori competenze. Sono laureata in economia e grazie agli studi sono riuscita ad avere competenze anche dal punto di vista burocratico. Ci tengo a precisare, però che la mia famiglia non mi ha costretto a farlo”.

BOOM IMPRENDITORI AGRICOLI UNDER 35 DURANTE PANDEMIA

“L’agricoltura è una scelta impegnativa. Sono rimasta sorpresa da cio’ che e’ accaduto proprio durante la pandemia. Nel 2020, infatti, secondo i dati analizzati da Coldiretti, c’e’ stato un boom di imprenditori under 35 volenterosi di investire in questo settore. Ci sono state, infatti, tantissime domande presentate da giovani che avevano le idee molto chiare. L’agricoltura e’ stato uno dei pochi settori che non si e’ fermato neppure durante la pandemia ed e’ in grado di sopravvivere perche’ capace di cogliere l’innovazione, investendo sulla sostenibilita’ ambientale. L’agricoltura, dunque, e’ una opportunita’ di crescita per i giovani e soprattutto nel nostro settore sono richieste sempre di piu’ nuove figure professionali altamente qualificate, capaci di cogliere le nuove opportunita’ che la terra offre”, conclude l’imprenditrice campana.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»