Nucleare, disarmisti e donne per la pace: “Bandiamolo con il trattato”

La Giornata internazionale per l'abolizione delle armi nucleari del 26 settembre potrebbe essere occasione per l'entrata in vigore del Trattato per la proibizione delle armi nucleari, adottato dall'Onu lo scorso 7 luglio | Di Brando Ricci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La sicurezza deve fondarsi su giustizia sociale e buona governance del nodo dei diritti umani. E’ questo, secondo Patrizia Serpetti, presidente della Lega internazionale delle donne per la pace e la liberta’ Italia (Wilpf), il modo migliore per prevenire una militarizzazione del comparto della difesa che, per l’appunto, “non e’ affatto garanzia di sicurezza”. Secondo Serpetti, e’ necessario “spostare una grossa fetta della spesa dal capitolo militare a quello civile”. L’attivista ne parla con l’agenzia Dire a margine di un incontro organizzato in Senato alla vigilia della Giornata internazionale per l’abolizione della armi nucleari delle Nazioni Unite, che sara’ celebrata domani, 26 settembre.

La Giornata potrebbe essere occasione per l’entrata in vigore del Trattato per la proibizione delle armi nucleari adottato dall’Onu lo scorso 7 luglio. A oggi sono 45 i Paesi che hanno ratificato il Trattato e per l’entrata in vigore ne mancano cinque. Serpetti sottolinea il ruolo che possono avere le “associazione di donne per fare pressione affinche’ i governi firmino il documento”. A rafforzare il supporto che potrebbe avere l’attivismo femminile, evidenzia la presidente della Wilpf c’e’ anche “la risoluzione 1325 dell’Onu, che riconosce alla donna estrema capacita’ nella prevenzione e risoluzione non violenta dei conflitti“. Con “un’adeguata formazione”, premette l’attivista, le donne possono quindi “esercitare una grande influenza”.

A sottolineare all’agenzia Dire l’importanza della Giornata di domani e’ anche Alfonso Navarra, portavoce del progetto Disarmisti esigenti. L’attivista ricorda che la ricorrenza e’ stata scelta dall’Onu per ricordare Stanislav Evgrafovic Petrov, un colonello sovietico che il 26 settembre 1983 scongiuro’ una guerra nucleare per errore, svelando che quello su un attacco contro Mosca da parte degli Stati Uniti era solo un falso allarme. Da protocollo, evidenzia Navarro, la risposta sovietica sarebbero state 200 testate nucleari “di avvertimento” lanciate su obiettivi Usa. In poche parole, “la fine del mondo”.

Disarmisti esigenti e’ capofila di un’iniziativa che mira a spingere Comuni ed enti locali italiani a intitolare parchi, giardini e biblioteche alla memoria del colonello. “L’obiettivo – sottolinea Navarra – e’ sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto alla possibilita’ di una guerra nucleare per errore”.

Secondo gli attivisti che animano la campagna, il rischio e’ sempre maggiore a causa dell’utilizzo di nuove risorse tecnologiche come “il 5g e l’intelligenza artificiale”. “Il messaggio che passa – spiega l’attivista – e’ che si possano affidare alle tecnologie questioni che dovrebbero essere invece risolte sul piano sociale e, soprattutto, con il disarmo“.

Navarra lancia un appello alla politica italiana. “In questo momento si parla dell’ammodernamento delle testate nucleari ospitate dalle base Nato di Aviano, in Friuli Venezia Giulia, e a Ghedi, in Lombardia, nell’ambito della politica di cosidetto ‘nuclear sharing'” dice l’esperto. “Per noi questi armamenti dovrebbero essere rispediti al mittente”.

Una via, questa, che sarebbe praticabile. “Una buona fetta della politica italiana ha epresso la sua adesione ai principi della campagna Ican per la proibizione delle armi nucleari, premio Nobel per la pace nel 2017” sottolinea Navarro: “Che siano coerenti, ora”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»