Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ue al Pakistan: “Liberare Asia Bibi e libertà di culto”

Antonio Tajani, primo vice presidente del Parlamento Ue, assieme a eurodeputati, deposita alla firma dei colleghi parlamentari una dichiarazione scritta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Attentato Lahore pakistan contro cristianiBRUXELLES – L’Europa “non puo’ restare in silenzio davanti all’ingiusta prigionia di Asia Bibi, simbolo della persecuzione di cui sono vittime i cristiani in tutto il mondo. Impedire che sia portata a compimento la condanna a morte per un reato inesistente e’ un dovere di tutti, cristiani e non cristiani”. Lo afferma Antonio Tajani, primo vice presidente del Parlamento Ue, che, assieme a eurodeputati di vari Paesi deposita alla firma dei colleghi parlamentari una dichiarazione scritta sull’argomento.

Tajani ricorda che il 4 novembre 2014 una folla di 1.500 persone in Pakistan brucio’ viva una coppia di cristiani accusati di blasfemia. “E due mesi fa, durante le festivita’ di Pasqua, un’altra folla di migliaia di estremisti islamici ha manifestato davanti ai palazzi del governo pachistano chiedendo la piena applicazione della Sharia e l’esecuzione di Asia Bibi. Ma qualsiasi uomo o donna che abbia a cuore la religione, il diritto e non sia accecato dall’odio- conclude l’eurodeputato italiano- sa che Asia Bibi deve vivere e che dev’essere prosciolta e liberata”.

La dichiarazione scritta necessita, per diventare posizione ufficiale dell’Euroassemblea, delle firme della meta’ piu’ uno degli eurodeputati. In tal caso verrebbe consegnata all’Alto rappresentante Ue per la politica estera per intraprendere “tutte le azioni politiche e diplomatiche necessarie per la liberazione di Asia Bibi e per la promozione del rispetto della liberta’ religiosa in Pakistan”. Vedi www.agensir.it

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»