Tg Politico Parlamentare, edizione del 25 febbraio 2021

È scontro sulla Pasqua blindata, le Regioni frenano sulla riapertura delle scuole, sindacati in piazza chiedono un tavolo per la crisi del settore aereo tra le notizie dell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SCONTRO SULLA PASQUA BLINDATA

Di nuovo Matteo Salvini contro il suo governo. Il segretario della Lega attacca questa mattina sulle restrizioni annunciate dal ministro Roberto Speranza, definendo “irrispettoso per gli italiani parlare già oggi di una Pasqua chiusi in casa”. Salvini insiste nel chiedere la riapertura di quelle “attività economiche e sociali che non comportano alcun rischio”. Una posizione che non piace agli alleati. “Salvini continua a sbagliare e rischia di portare fuori strada l’Italia”, dice il segretario del Pd Nicola Zingaretti, che invita a risolvere i problemi, non a cavalcarli. Intanto il governo è al lavoro per una graduale riapertura dei luoghi di cultura a partire da marzo.

RIAPERTURE SCOLASTICHE, LE REGIONI FRENANO

Il nuovo dpcm con le misure per il contrasto al Coronavirus, il primo a firma Mario Draghi, vedrà la luce entro domenica, con largo anticipo rispetto all’entrata in vigore. Una prima bozza del documento verrà intanto inviata alle Regioni, come ha annunciato il ministro agli Affari regionali, Mariastella Gelmini durante il vertice con i governatori. I presidenti sono tornati a chiedere “un cambio di passo” e una “discontinuità nel metodo” al Governo anche per quel che riguarda il sistema a fasce. Esecutivo e regioni divergono anche sulla scuola: i governatori chiedono di verificare il rischio delle riaperture scolastiche. Per Gelmini la riapertura delle attività e la chiusura degli istituti è una contraddizione di fatto.

NON SOLO ALITALIA, IL TRASPORTO AEREO IN PIAZZA

Un tavolo per discutere della crisi del settore del trasporto aereo. Lo chiedono al governo Draghi i sindacati oggi riuniti davanti a Montecitorio per manifestare contro la crisi del comparto. In piazza non ci sono soltanto i lavoratori della compagnia di bandiera ma anche quelli di Air Italy, Norwegian, Blue Panorama. Quarantamila -secondo i sindacati- i posti a rischio, più altri diecimila stagionali e a tempo determinato. Secondo il segretario generale della Cgil Maurizio Landini “la crisi non sarà passeggera”. Serve un confronto con tutti i ministri per gestire il rilancio del settore”. Domani è previsto l’incontro tra i ministeri dello Sviluppo, dei Trasporti e dell’Economia sul dossier Alitalia.

LA CRISI SI ACCANISCE SUI PIÙ DEBOLI

La pandemia si è abbattuta sull’economia con uno shock senza precedenti sui lavoratori. Il rapporto realizzato dal ministero del Lavoro, con Istat, Inps, Inail e Anpal raccoglie alcuni dati drammatici sul 2020 con giovani, donne e stranieri tra i più colpiti. Penalizzati, si legge, perché spesso occupati in posizioni meno tutelate, per giunta nei settori e nei tipi di impresa investiti maggiormente. Nei soli primi tre trimestri del 2020 sono andate perdute 3,9 miliardi di ore lavorate con 470 mila occupati in meno. Alto il ricorso allo smart working con 4 milioni di lavoratori da remoto nel secondo trimestre dell’anno scorso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»