Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

È morto l’economista Alberto Alesina, docente di Harvard

Aveva 63 anni, deceduto per arresto cardiaco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ morto l’economista Alberto Alesina, aveva 63 anni. Alle sue spalle un’illustre carriera che lo aveva portato a diventare, dal 2003 al 2006, il direttore del dipartimento economico dell’Università di Harvard, negli Stati Uniti. E’ stato anche professore all’università Bocconi di Milano, dove si era laureato nel 1981. Ieri la morte improvvisa per un attacco cardiaco, mentre stata facendo hiking con sua moglie.

Tanti i messaggi di cordoglio oggi sui social network, tra cui quello del commissario europeo all’economia, Paolo Gentiloni, che su Twitter scrive: “Ricordo Alberto Alesina. I suoi studi e le sue idee hanno arricchito il nostro dibattito economico”.

CASTELLI RICORDA ALBERTO ALESINA: “IL SUO CONTRIBUTO E’ STATO IMPORTANTISSIMO”

“Per ripartire l’Europa ha bisogno di meno tasse, meno spese inutili e di riforme strutturali che liberalizzino i mercati. Era il pensiero di Alberto Alesina che, a qualche anno di distanza, è ancora attualissimo. Il suo contributo, anche oggi che siamo chiamati a costruire l’Italia e l’Europa post Covid, sarebbe stato importantissimo. Alla famiglia, e a chi gli ha voluto bene, i miei sentimenti del più profondo cordoglio”. Così il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, ricorda l’economista Alberto Alesina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»