fbpx

Carcere, don Agresti: “Così rieduco i detenuti con il lavoro”

FIRENZE – Il lavoro può rappresentare lo strumento più potente per offrire una opportunità concreta di rieducazione e di reinserimento nella società di un condannato. Il progetto ‘Senza sbarre’ della diocesi di Andria si spinge oltre. A raccontarlo alla ‘Dire’ è don Riccardo Agresti, nell’ambito della IV conferenza nazionale dell’associazione italiana giovani avvocati (Aiga) dedicata alla ‘Difesa dei non difesi’. 

Agresti, parroco da 26 anni, da 12 è impegnato a stretto contatto coi detenuti. È partito da una riflessione: nell’esecuzione penale in Italia l’aspetto rieducativo è spesso assente. Per questo insieme alla diocesi e alla Caritas ha dato vita a ‘Senza sbarre‘, creando una comunità alle pendici del Castel del monte, luogo riconosciuto come patrimonio Unesco. 

“Le statistiche ci stanno dimostrando che sono sempre di meno le persone che avendo diritto alla misura alternativa al carcere non rimangono dentro- rileva don Agresti-. Ostinatamente stiamo proponendo un modello di comunità. All’interno del carcere i detenuti passano tante ore senza far niente. Noi diciamo: fateli uscire, fateli inserire nelle comunità e quindi nel nostro progetto, perché vogliamo proporre loro anche il lavoro”. 

Gli imprenditori si sono messi a disposizione, spiega, “così abbiamo creato anche un pastificio, dove sono i detenuti che producono la pasta che inizieremo a commercializzare”. La strada che intende seguire il progetto ha un duplice ancoraggio: al Vangelo e alla Costituzione. “Il Vangelo buono ingloba tutti- ricorda-, mentre la Carta costituzionale proietta tutto sulla rieducazione della pena”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»