Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La procura inserisce gli atti di Banca Marche

ANCONA - Su incarico della Procura, la Guardia di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Palazzo_regione_MarcheANCONA – Su incarico della Procura, la Guardia di Finanza ha acquisito gli atti prodotti dalla commissione regionale d’indagine su Banca Marche. “Orgogliosi del fatto che la Procura abbia richiesto le registrazioni delle audizioni che abbiamo svolto in commissione: significa che ritiene preziosa la nostra collaborazione- commenta il presidente della commissione Mirco Carloni (Ap)- Un riconoscimento del lavoro svolto. Non si è trattato di alcun sequestro ma di una acquisizione di atti definita insieme in uno spirito di massima collaborazione“.

La commissione d’indagine BdM tornerà a riunirsi oggi alle 14 per approvare la relazione finale di oltre 70 pagine. Poi la discussione in consiglio regionale presumibilmente entro la prima metà di giugno. “Questi tre mesi di lavoro mi hanno fatto comprendere una realtà che non conoscevo- continua Carloni- Difficilmente da un punto di vista finanziario le Marche saranno più le stesse dopo questa vicenda che ha profondamente danneggiato il territorio. La mia idea? Ritengo ci siano responsabilità diffuse su vari livelli frutto più di piccoli interessi personalistici che di un sistema complessivo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»