Via Zamboni, al 36 il Cua spalanca ancora le porte per protesta contro gli accessi filtrati/ FT e VD

Il Collettivo universitario autonomo (Cua) replica, e come ieri spalanca la porta principale della biblioteca di Discipline umanistiche al 36 di via Zamboni a Bologna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA  – Il Collettivo universitario autonomo (Cua) replica, e come ieri spalanca la porta principale della biblioteca di Discipline umanistiche al 36 di via Zamboni a Bologna.

L”apertura’ della biblioteca è stata decisa per protestare contro il nuovo sistema di accesso, che prevede che si possa entrare solo da una porta automatica, che si apre strisciando il badge dell’Università. Tutto si è svolto, finora, senza scontri, e al momento, tolti due agenti della Digos di fronte alla biblioteca, non ci sono rappresentanti delle Forze dell’ordine in zona. Nel frattempo gli studenti, poco più di una ventina, stanno tappezzando la porta spalancata poco fa di cartelli con scritte come “il 36 non è una banca. No ai tornelli, w il 36 libero”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»