Covid, Gimbe: “Sbiadiscono effetti delle misure restrittive, rivalutare il piano gestione”

I dati del monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe relativo alla settimana 16-22 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe conferma nella settimana 16-22 dicembre, rispetto alla precedente, “una lieve flessione dei nuovi casi (106.794 vs 113.182), a fronte di una sostanziale stabilita’ dei casi testati (465.534 vs 462.645) e in linea con la riduzione del rapporto positivi/casi testati (22,9% vs 24,5%). Si riducono del 9,2% i casi attualmente positivi (605.955 vs 667.303) e, sul fronte degli ospedali, diminuiscono ricoveri con sintomi (24.948 vs 27.342) e terapie intensive (2.687 vs 3.003); in calo anche i decessi (3.985 vs 4.617)”. A calcolarlo e’ la fondazione Gimbe nel suo consueto bollettino settimanale. Nel dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: Decessi: 3.985 (-13,7%); Terapia intensiva: -316 (-10,5%); Ricoverati con sintomi: -2.394 (-8,8%); Nuovi casi: 106.794 (-5,6%); Casi attualmente positivi: -61.348 (-9,2%); Casi testati +2.889 (+0,6%); Tamponi totali: 28.289 (+2,6%).

“I dati di questa settimana- dichiara Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe– confermano che la frenata del contagio e’ sempre meno evidente, come documentato dalla stabilizzazione dei rapporti positivi/casi testati e positivi/tamponi totali, dalla modesta riduzione dell’incremento percentuale dei casi totali (5,7% vs 6,4%) e dalla lieve flessione dei nuovi casi settimanali (-5,6%)”. Se le situazioni regionali sono piuttosto eterogenee, e’ evidente che in generale le misure di contenimento introdotte con il Dpcm del 3 novembre 2020 stanno esaurendo i loro effetti. “L’incremento percentuale dei casi infatti- afferma Renata Gili, Responsabile Ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe– che la scorsa settimana era in flessione in tutto il Paese, questa settimana ha invertito la tendenza in 6 Regioni”.

Per quanto riguarda i ricoveri, continua la lenta discesa delle curve, ma l’occupazione da parte di pazienti COVID supera ancora la soglia del 40% nei reparti di area medica in 9 Regioni e quella del 30% nei reparti di terapia intensiva in 8 Regioni. La curva dei decessi sale in maniera meno ripida, ma il numero e’ ancora molto elevato e sfiora i 4.000. “Al di la’ del potenziamento delle misure restrittive per il periodo di Natale- continua il Presidente- due fattori influenzeranno nei prossimi mesi l’evoluzione della pandemia nel nostro Paese: l’avvio della campagna vaccinale e la diffusione della variante UK recentemente isolata”.

“Al momento- spiega Cartabellotta- e’ possibile solo fare previsioni di massima rispetto al raggiungimento di una copertura vaccinale del 60-70% della popolazione”. Vero e’ che il piano strategico del ministero della Salute Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 riporta oltre 202 milioni di dosi potenzialmente disponibili (pari a 101 milioni di cicli vaccinali completi). Tuttavia, prima che gli accordi preliminari di acquisto si concretizzino in forniture, bisognera’ attendere il completamento degli studi clinici in corso, la submission della documentazione completa all’European Medicines Agency (EMA) da parte delle aziende produttrici e la successiva approvazione condizionata, ossia l’autorizzazione in condizioni di emergenza per la valutazione di efficacia e sicurezza.

Analizzando lo status di approvazione dei vaccini: – Le dosi certe sono solo poco piu’ di 10 milioni entro marzo 2021 e 22,8 milioni entro giugno 2021: quelle del vaccino Pfizer-BioNTech, approvato dall’EMA il 21 dicembre, e quelle di Moderna che dovrebbe avere il via libera il prossimo 6 gennaio. – I vaccini di AstraZeneca e Johnson & Johnson sono in fase di rolling review (revisione ciclica), ovvero EMA valuta i dati man mano che vengono resi disponibili, ma nessuna delle due aziende ha ancora effettuato la submission dei dati completi per l’approvazione condizionata. – CureVac ha annunciato il 14 dicembre l’arruolamento del primo paziente nello studio di fase 3. – Sanofi-GSK ha gia’ comunicato lo slittamento della consegna delle dosi al 2022.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»