Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Basilicata, Polese: “Ospedali Qatar abbandonati, Di Maio se ne assuma la responsabilità”

Mario Polese_vicepresidente Basilicata
"Dopo quasi 9 mesi giacciono ancora in una condizione di abbandono nei pressi degli ospedali di Potenza e Matera", denuncia il vicepresidente della Regione Basilicata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Stridono le immagini contrastanti del ministro Luigi Di Maio sorridente in Qatar mentre stringe mani e accordi con l’entourage dell’emiro promettendo enormi vantaggi per il nostro Paese con quelle dei tendoni donati dallo stesso Qatar alla Basilicata che dopo quasi nove mesi giacciono in una condizione praticamente di abbandono nei pressi degli ospedali di Potenza e Matera”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese di Italia Viva, che spiega: “Una situazione che non è più tollerabile e sulla quale probabilmente non sapremo mai la verità Di certo, e c’è traccia nei documenti ufficiali, quei tendoni sono costati già 500mila euro alla Regione Basilicata e da quanto si apprende saranno spesi altri soldi senza che ci sia il minimo risultato in termini di servizi sanitario o di prevenzione in quelle strutture”.
Sottolineando che dalla Regione e in particolare dall’assessore al ramo Rocco Leone non sono arrivati chiarimenti né rassicurazioni, Polese invita ciascuno per la sua parte ad assumersi la responsabilità a partire dal ministro Di Maio “che ad aprile dall’aeroporto di Pratica di Mare parlava di ospedali luxury donati dal Qatar – conclude Polese – che avrebbero consentito di curare 500 persone ammalate di Covid. Basta con la confusione e basta prendere in giro gli italiani e i lucani”.

LEGGI ANCHE: Pronti entro fine mese gli ospedali da campo donati dal Qatar alla Basilicata

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»