La Russia accusa gli Usa: “Con l’arrivo di armi in Ucraina nuovo bagno di sangue”

Dal 2014 il Paese è ostaggio di un conflitto civile. Forze ribelli, ritenute legate alla Russia, restano in controllo delle regioni orientali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Russia ha accusato gli Stati Uniti di voler causare “un nuovo bagno di sangue” in Ucraina a seguito dell’annuncio di Washington sulla consegna di forniture militari a Kiev.

“Le armi americane rischiano di provocare ancora vittime” ha detto Sergej Riabkov, vice-ministro degli Esteri di Mosca.

Ieri funzionari dell’amministrazione di Donald Trump avevano riferito della decisione di intensificare la cooperazione con l’Ucraina in materia di difesa per tutelarne la “sovranità”.

Dal 2014 il Paese è ostaggio di un conflitto civile. Forze ribelli, ritenute legate alla Russia, restano in controllo delle regioni orientali.

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»