Covid-19, screening di massa a L’Aquila: in arrivo 200mila tamponi entro mercoledì

tampone drive through
Accolta la mia richiesta di replicare in Abruzzo quanto fatto in Alto Adige. I test arriveranno entro mercoledì
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Commissario Domenico Arcuri mi ha da poco comunicato di aver accolto, in via del tutto eccezionale e tenuto conto della situazione che gli ho descritto, la richiesta di fornire un congruo quantitativo di tamponi antigenici rapidi per permettere l’avvio della campagna di screening massivo, che partirà dalla Provincia dell’Aquila. Al più tardi nella giornata di mercoledì saranno quindi consegnati 200 mila tamponi“. Lo riferisce il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, che già nei giorni scorsi ha annunciato tamponi a tappeto sul territorio aquilano, il più colpito da questa seconda ondata della pandemia. I 200mila tamponi, infatti, saranno utili “a mettere in moto la macchina organizzativa. Ho affidato all’Agenzia di Protezione Civile, nella persona del direttore Mauro Casinghini, la guida e il coordinamento di tutte le istituzioni e i soggetti coinvolti. Ringrazio nuovamente per la piena e sincera collaborazione il Commissario Arcuri e il ministro Roberto Speranza, che hanno accolto la mia richiesta di replicare in Abruzzo quanto fatto in Alto Adige. Nel pomeriggio di oggi le Asl dell’Aquila e di Bolzano – fa quindi sapere – si collegheranno in videoconferenza per proseguire lo scambio di informazioni utili per arrivare il prima possibile a ripetere l’operazione nel nostro territorio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»