Roma, in Prati è strage di pneumatici: decine di segnalazioni di furto

Una pratica che riporta alla mente anni lontani di grande povertà
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Prati, come una cartolina ingiallita di una Roma di altri tempi, torna a essere suo malgrado il palcoscenico di una pratica illecita che sembrava retaggio di un passato fatto di degrado e povertà: il furto degli pneumatici delle auto in sosta, con tanto di mattone come ricordino. Erano gli anni ’70 e ’80. Nei caffè della città e del rione si potevano incontrare personaggi come Alberto Sordi e Marcello Mastroianni, Paulo Roberto Falcao o Bruno Giordano. I taxi erano gialli, gli autobus verdi e sarebbero diventati arancioni di lì a poco. I sindaci di quei decenni erano Argan, Petroselli, Vetere e Signorello e per strada si poteva incontrare Tomas Milian che girava un film in cui l’ispettore Nico Giraldi, in arte ‘er Monnezza’, indagava anche su truffe di questo tipo. Roma era da poco uscita da situazioni di estrema povertà, immortalate in film come “Brutti, sporchi e cattivi”, con Nino Manfredi. In quel clima il furto delle ruote era una pratica quasi comune, spesso in accoppiata con quello dell’autoradio, con tanto di finestrino rotto. Poi, oltre vent’anni di benessere e ricchezza, e altri venti di rendita, sembravano aver relegato questa pratica nel libro dei ricordi.

Foto di Romina Catalli

Purtroppo non è più così, e non c’è nemmeno da scherzare. Il quartiere Prati, infatti, da alcuni giorni è letteralmente bersagliato da decine di furti di pneumatici.
Molte segnalazioni sono state inviate e pubblicate sulla pagina Facebook “Sei di Prati se…”. I furti sembrano ormai avere cadenza quotidiana, segno che forse si sta muovendo una banda specifica. Negli ultimi giorni sono state colpite auto di lusso e piccole utilitarie, da via Leone IV a piazza della Libertà fino a via Orsini e tante altre strade ancora, non specificate nelle foto pubblicate sul gruppo. Le auto sono state ritrovate dai proprietari senza più gomme e con i cerchioni appoggiati direttamente su alcuni mattoni. Spesso in terra ci sono ancora i bulloni. E qualcuno ha denunciato anche il furto dell’antenna e dei tergicristalli.
Le denunce sono partite e le forze dell’ordine sono a conoscenza del problema. Ma per il momento nulla sembra fermare i ladri. Per la verità quella dei furti degli pneumatici sembra essere una ‘moda’ di ritorno, e non solo a Roma. Furti di ruote sono stati segnalati negli anni scorsi a Torino, con oltre 500 episodi, a Milano, a Napoli, tra Posillipo e Chiaia, nel Foggiano, dove sembra essere di moda anche il furto della targa con la richiesta di riscatto, e nella stessa Roma, già nel 2019, ma questa volta con episodi segnalati ai Parioli e al Fleming, dove imperversa anche la famigerata pratica dello scippo del Rolex.

Un clima che, evidentemente, tradisce una crisi economica e sociale più pesante di quanto non si voglia credere. A quando il ritorno dei soliti ignoti e della banda del buco?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»