Omicidio stradale, Nencini: “Può essere legge entro l’anno” – Guarda la VIDEOINTERVISTA

Le novità riguardano un aumento delle pene per chi, in caso "di guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti provoca un omicidio stradale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’auspicio, molto realistico” è che la legge sull’omicidio stradale sia approvata entro la fine dell’anno. Lo dice il viceministro dei Trasporti Riccardo Nencini, in una videointervista all’agenzia Dire.

Il disegno di legge, già approvato in Senato dove “il voto è stato trasversale”, comincerà il suo iter alla Camera domani, esaminato dalle commissioni Giustizia e Trasporti in congiunta. “Voglio ringraziare sia il presidente Meta che la presidente Ferranti che hanno a cuore il problema esattamente come ce l’ho io e quindi procederanno nella maniera più spedita possibile. Penso che già ad ottobre il testo potrebbe andare in aula”.

Le novità che si vogliono introdurre riguardano un aumento delle pene per chi, in caso “di guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di stupefacenti- spiega Nencini- provoca un omicidio stradale: in questo caso il codice penale viene modificato fino a portare a 12 anni il periodo di permanenza in galera. E’ previsto poi un aumento di pena anche per le lesioni provocate alle persone”.

di Antonio Bravetti – giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»