Non solo Trump: dopo l’eclisse su Google boom di ricerche sui danni agli occhi

Le raccomandazioni degli scienziati non sembrano essere state ascoltate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Incurante dei pericoli, Donald Trump ha alzato lo sguardo al cielo durante l’eclisse totale di Sole del 21 agosto senza protezioni. Niente di più sbagliato. Per osservare lo spettacolare fenomeno è fondamentale indossare degli occhiali protettivi. Se non si usa questa accortezza, può capitare di avere danni temporanei alla retina, o più frequentemente mal di testa e nausea.

Non è stato solo il presidente degli Stati Uniti, però, ad essere così incauto. Si evince dando uno sguardo alle ricerche su Google subito dopo l’eclisse.

“Eyes hurt”, dolore agli occhi, fa un balzo nelle ricerche sul popolare motore web. Quattro volte più spesso il 21 agosto alle ore 20 (a eclisse conclusa) rispetto ai giorni precedenti.

Stesso destino per le sequenza di parole “Hurt eclipse” (dolore eclisse),  “nausea eclipse” (nausea eclisse) e “headache eclipse” (mal di testa ed eclisse)

Insomma, le raccomandazioni degli scienziati non sembrano essere state ascoltate.

di Antonella Salini, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»