Migranti, Lega nord: “Perchè non arrestiamo equipaggi ong?”

Le parole del deputato Paolo Grimoldi arrivano alla luce di quanto affermato dal procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il pm di Catania, Carmelo Zuccaro, anche oggi conferma che i trafficanti di uomini in Libia sono in contatto con le navi delle Ong, peraltro Ong quasi tutte tedesche, appostate nelle acque del Mediterraneo pronte a raccogliere gli immigrati dai barconi. Il pm di Catania sta denunciando che agli scafisti, che in Italia veniva arrestati, si sono sostituite le navi ong i cui capitani, però, non vengono arrestati, anche se favoriscono il traffico illegale di immigrati che ha fatto impennare gli arrivi sulle nostre coste, portandoli oltre quota 42mila in tre mesi e mezzo, peraltro mesi invernali dove gli sbarchi avrebbero dovuto fermarsi. Lo stesso pm Zuccaro ritiene che gli arrivi nel 2017 saranno oltre 250mila”. Lo dice Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e segretario della Lega Lombarda, che aggiunge: “Alla luce della pubblica denuncia della procura di Catania che cosa aspetta il governo a impedire l’ingresso in acque territoriali italiane, utilizzando le navi della nostra Marina militare, a queste navi straniere delle Ong, che tra l’altro violano anche le convenzioni internazionali e la Convenzione del mare? E cosa aspettiamo, nel momento in cui queste navi sbarcano, arrestare il capitano e l’equipaggio esattamente come facevano con gli scafisti?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»