Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro. Nota del dipartimento regionale su lavoratori multiservizi

REGGIO CALABRIA - “La Regione Calabria si è fatta carico in questi mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Aula-Consiglio-Regione-CalabriaREGGIO CALABRIA – “La Regione Calabria si è fatta carico in questi mesi del grave problema del mantenimento occupazionale dei lavoratori della Società Multiservizi in liquidazione del Comune di Reggio Calabria, alfine di garantire l’agevole traghettamento di questi lavoratori licenziati alla nuova Società di gestione Servizi del Comune. A tal fine la Regione ha finanziato un Progetto di riqualificazione professionale dei lavoratori ex Multiservizi per l’importo di €850.000.00 assegnati al Comune di Reggio Calabria sul PAC, che ha consentito l’accompagnamento dei lavoratori con indennità alla nuova fase di occupazione”. Con questa nota il Dipartimento regionale Lavoro e Sviluppo economico interviene sul problema dei lavoratori della Società “Multiservizi” di Reggio.
“La Regione,- prosegue la nota- per venire incontro alle esigenze economiche  dei lavoratori, ha, pure in assenza di stipula definitiva di convenzione, la cui stesura, è tutt’ora in fase di valutazione tecnica presso gli uffici comunali, disposto l’erogazione per la giornata di domani della prima anticipazione finanziaria del 50% dell’importo assegnato al Comune di Reggio Calabria”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»