Le dimissioni di Di Maio aiutano il Governo, dicono nel M5S

L'editoriale di Nico Perrone per Dire Oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ma quale sconquasso, le dimissioni di Di Maio aiuteranno il Governo, che ora esce rafforzato da questo passo indietro”, risponde al cronista un esponente di rango del M5S. Ma come, adesso non ci sarà battaglia, la lotta tra correnti? “Certamente ci sarà un confronto- risponde ancora il ‘grillino’- pero’ devo dirti che oggi da noi si respira un’aria tranquilla, c’e’ consapevolezza del momento difficile, chi si aspettava il caos rimarrà deluso. Il Governo va avanti…”. In molti, comunque, si aspettano a breve una presa di posizione da parte di Beppe Grillo, perchè c’è molta confusione sulle prossime mosse del M5S in vista degli Stati generali che si terranno a marzo. In quella sede, come ha detto Di Maio, si discuterà del ‘cosa fare’, ma è chiaro che l’ex Capo politico proprio lì si
giocherà la rivincita. Pochissimi credono che Di Maio si farà da parte.

“No- spiega un esponente a lui vicino- non si farà da parte, ora si è tolto il bersaglio dalla fronte, contro il quale tutti sparavano, e si giocherà le sue carte in libertà”. Da posizione comunque di forza “perchè – sottolinea un’altra voce del Movimento- vero che Di Maio si è messo di lato ma ha lasciato tutti i suoi a gestire la fase di transizione. Lo stesso Crimi è vicinissimo… Certo che anche a lui in questi mesi potrebbe venir voglia di giocarsi la leadership”.

Per quanto riguarda gli altri nomi in circolazione, in molti vedono bene Stefano Patuanelli, attuale ministro allo Sviluppo economico, che in questi anni si e’ fatto apprezzare da tutte le componenti. Sul fronte della politica nazionale, si aspetta il voto di domenica in Emilia-Romagna. E’ una lotta all’ultima preferenza, senza esclusione di colpi. Oggi il leader della Lega, Matteo Salvini, e quello del Pd, Nicola Zingaretti, se le sono date di santa ragione. Il segretario Dem ha attaccato il clamoroso appoggio elettorale da parte di Bruno Vespa che ieri è apparso con Salvini nel bel mezzo di Juventus-Roma. Il conduttore ha parlato di svista (a cui non crede nessuno) e che ci sarà una riparazione. Da parte sua, Salvini ha replicato dicendo che i Dem sono disperati, che lui vincerà in Emilia-Romagna e che lunedì, oltre a quelle di Di Maio, ci saranno altre dimissioni dentro la maggioranza (leggi Zingarettti).

LEGGI L’EDIZIONE DI DIRE OGGI DEL 23 GENNAIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»