Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Abruzzo i Carabinieri adottano il cane di un ricercato

cane_pineto
Il proprietario è un uomo originario di Parma, arrestato per furto e truffa a Pineto dopo 4 anni di ricerche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TERAMO – Quando lo hanno arrestato, dopo quattro anni di ricerche, l’uomo aveva con sé un cane: un pastore tedesco. Ora quel cane è stato adottato dai Carabinieri che lo hanno trovato. La bella storia arriva da Pineto dove gli uomini dell’arma hanno arrestato un uomo originario di Parma ricercato per furto e truffa. Lo hanno trovato in un casolare abbandonato della città adriatica. Con lui un bellissimo esemplare di pastore tedesco molto mansueto di cui ora proprio i Carabinieri hanno deciso di occuparsi. L’uomo, intanto, è stato trasferito in carcere dove dovrà scontare la pena residua e rispondere della denuncia per i reati di evasione e di sostituzione di persona.

Ad apprezzare il gesto dei militari dell’Arma gli amministratori comunali e la presidente dell’Anta Onlus di Pineto Ida Nardi. Abbiamo molto apprezzato il gesto dei Carabinieri di Pineto – commenta Nardi a nome dei volontari di Anta Onlus in una nota -. Una sensibilità non scontata che ha salvato la vita a un pastore tedesco che non ha alcuna colpa. Il cane sarà custodito al meglio e certamente amato, un plauso va agli uomini dell’Arma della nostra città che con il loro gesto ci fanno sentire ancora di più orgogliosi del loro operato”.

“Il gesto dei carabinieri di Pineto non può passare inosservato – aggiungono congiuntamente il sindaco Robert Verrocchio e l’assessore alle Politiche e Tutele del mondo animale del Comune di Pineto, Jessica Martella -. Desideriamo ringraziare pubblicamente i militari dell’arma per il lavoro svolto nell’assicurare alla giustizia un latitante e per aver poi dato amore a un animale che rischiava di finire in canile. Un plauso a loro per la professionalità e sensibilità dimostrate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»