VIDEO | Sospesi tre furbetti del cartellino dell’Asp di Caltanissetta

Dovranno rispondere di truffa ai danni dello Stato, falsa attestazione di presenza in servizio, peculato e abuso del sistema informatico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Timbravano il proprio badge e lasciavano l’ufficio senza alcuna autorizzazione o registravano le presenze di altri colleghi di lavoro in realtà assenti. Accadeva a Mussomeli, in provincia di Caltanissetta, presso il Servizio veterinario dell’Asp nissena.

A scoprire gli assenteisti sono stati i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Caltanissetta che hanno sospeso tre dipendenti in servizio presso l’Azienda sanitaria provinciale.

I tre, ripresi dagli investigatori nel corso di vari pedinamenti, dovranno rispondere, a vario titolo, di truffa ai danni dello Stato, falsa attestazione di presenza in servizio, peculato e accesso abusivo al sistema informatico.

Numerosi i casi accertati in cui i dipendenti pubblici hanno timbrato nello stesso momento più cartellini in favore di colleghi non presenti sul posto di lavoro.

In un caso uno dei lavoratori scoperti quasi quotidianamente, dopo aver timbrato il badge, si recava in uno studio professionale per svolgere altre attività utilizzando talvolta anche un mezzo dell’Asp. L’uomo, sospeso per un anno, accedeva inoltre al software per la rilevazione delle presenze con l’obiettivo di modificare gli orari registrati dal sistema elettronico. Gli altri colleghi assenteisti hanno subito una sospensione di un mese.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»