Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini sfida Conte: “Chiedo un confronto tv sul MES”

Salvini: "Alto tradimento se Conte ha svenduto i risparmi italiani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Parlando del MES, “posso fare una domanda a Uno Mattina? Organizzate un confronto qua, in diretta quando volete, con il presidente Conte a cui abbiamo sempre detto no” sul Meccanismo europeo di stabilità. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo dice negli studi della trasmissione di RaiUno. “Se lui viene qua o fa la figura del bugiardo o la figura dello smemorato, sono pronto quando vuole”, dice Salvini. Se il presidente del Consiglio dovesse mai aver detto “‘do i risparmi italiani per salvare le banche tedesche’, se cosi fosse sarebbe altro tradimento e si finisce in carcere”, dice il segretario della Lega, per il quale il MES è “un organismo privato che non risponde né a voi né a me né al Parlamento, una follia”.

SALVINI: “ALTO TRADIMENTO SE CONTE HA SVENDUTO RISPARMI ITALIANI”

“Non vorremmo che il signor Conte o chi per lui avesse preso un impegno per salvare la poltrona, ‘do i risparmi degli italiani per salvare le banche tedesche in cambio della mia poltrona’. Se cosi’ fosse, sarebbe alto tradimento e l’alto tradimento, in pace o in guerra, viene punito con il carcere”. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo dice su RaiUno a UnoMattina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»